Torriglia conquistata da una «Tosca» di diciassette anni

Una Tosca così giovane non si era ancora vista: lei, Benedetta Torre, con i suoi 17 anni, ha la grazia di un’adolescente ma la forza vocale di una grande protagonista della lirica. Era sul palcoscenico di Torriglia ieri sera e ci sarà anche stasera (alle 20.45) per la replica della messa in scena dell’opera musicata da Giacomo Puccini che narra le tragiche vicende di Tosca e del suo innamorato Caravadossi, in una Roma del 1800 a ridosso degli eventi della rivoluzione francese.
La produzione è a cura dell’associazione «Fernando Mainardi» e la direzione musicale e artistica è affidata a Laura Bulian.
La regia è di Mario Menini che è anche interprete nel ruolo di Scarpia. Per Bendetta nata e cresciuta a Torriglia, si tratta del debutto nel mondo della lirica: la ragazza è una promessa del canto lirico e si esibirà con un tenore bergamasco già affermato Fabio Valenti, che come Benedetta ha cominciato lo studio del canto lirico con Laura Bulian. Gli altri interpreti sono Marco Trugli (nel ruolo del sagrestano), Daniela Nicola (Angelotti), Paolo Ferrando (Spoletta) Giorgio carbone (Sciarrone) e Chiara Pizzato (pastorello).
Le scena sono state affidate a Ninni Miglietta scenografo di provata competenza e professionalità.
L’esecuzione al pianoforte è affidata a Irene Castellini.
La rappresentazione della Tosca nel cinema teatro parrocchiale di Torriglia, ha come scopo quello di incentivare l’interesse per il canto lirico e la musica anche nella località dell’entroterra , dove più difficilmente vengono effettuate rappresentazioni di livello. Inoltre è così possibile rilanciare anche spazi da destinare alla cultura e al sociale.