È Tosi il «delfino» per il Veneto «Sono disponibile»

Il ragazzo è bravo ed è destinato a fare grandi cose. Si potrebbe sintetizzare così l’apprezzamento espresso da Umberto Bossi nei confronti del sindaco di Verona Flavio Tosi. Una vera e propria investitura a delfino. Parlando della successione a Giancarlo Galan alla presidenza della Regione Veneto nel 2010, il Senatùr non ha fatto mistero delle sue preferenze e ha dichiaratamente indicato il primo cittadino veronese. «Mi piace molto - ha detto Bossi -. Poi sarà il segretario Gobbo e il Consiglio nazionale dei veneti a decidere, ma io lo vedo bene in Regione». Un’investitura impegnativa, che però non sembra scoraggiare Tosi, che incassa con soddisfazione l’apprezzamento del leader. «Un’indicazione di questo tipo può far solo piacere - ha commentato il sindaco di Verona - ma da qui al 2010 il tempo è lungo. Intanto io penso a fare il sindaco, nel miglior modo possibile, poi si vedrà». Ma siccome il ragazzo, oltre a essere cauto, è anche ambizioso, si dice pronto a rispondere positivamente all’eventuale chiamata ufficiale del Senatùr e ammette: «Certo se Bossi dovesse chiamarmi per la Regione sarei disponibile».