Tossina Crm197, lo scopritore ricevuto da Storace

Grazie agli articolo usciti sul Giornale e alla conseguente interpellanza parlamentare firmata dall'onorevole Francesco Brusco e indirizzata al Ministro della Salute Storace si terrà martedì presso il ministero un incontro con il dottor Silvio Buzzi, scopritore della tossina anti cancro Crm 197 dopo più di 30 anni di studi e ricerche e fino ad oggi rimasta nell'ombra e senza un riconoscimento ufficiale. All’incontro sarà presente inoltre il dottor Saraceni, consigliere tecnico del Ministro.
Finalmente insomma dopo l'interessamento dell'onorevole Brusco e dopo le numerose ricerche ed approfondimenti si è approdati ad un punto importante per la sperimentazione ufficiale del Crm 197. La tossina - secondo gli studi del dottor Buzzi - indurrebbe il sistema immunitario a bloccare l'avanzata del tumore e a volte addirittura a farlo regredire. Ma fino ad ora per il disinteresse delle case farmaceutiche in Italia si è vista bloccata la produzione del farmaco contenente la proteina Crm 197, che già da tempo viene utilizzata in Italia come vettore coniugante oligosaccaride per i vaccini destinati ai bambini come per esempio il vaccino anti-meningococcico. Una tossina che può rappresentare un’arma contri i tumori ed è, ha precisato più volte il dottor Buzzi, «un contributo e non certo la cura definitiva contro il cancro». Uno studio per il quale Umberto Tirelli, primario di Oncologia Medica presso il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano (in provincia di Pordenone), ha manifestato un concreto interesse.