A Totti costa mille euro l'insulto a Rizzoli

L'ammenda e
l’ammonizione è il prezzo che il capitano della Roma
dovrà pagare per i ripetuti insulti all’arbitro Rizzoli che durante <br />
il match contro l'Udinese, con i friulani in vantaggio per 1-0, si <br />
era posto sulla traiettoria di un tiro che avrebbe potuto fruttare il pareggio

Roma - Mille euro di ammenda e l’ammonizione è il (modico) prezzo che Francesco Totti dovrà pagare per i ripetuti insulti all’arbitro Rizzoli. Il direttore di gara, durante Udinese-Roma, con i friulani in vantaggio per 1-0, si era involontariamente posto sulla traiettoria di un tiro del capitano della Roma che avrebbe potuto fruttare il pareggio. L’ammenda è stata comminata dal giudice sportivo che ha anticipato ad oggi l’esame dei referti arbitrali sulla 14/a di A (domani c’è Juventus-Parma).

Moratti: "Dipende dalla permalisità dell'arbitro" "Può succedere, sono tanti i fattori psicologici che possono convincere un arbitro a reagire in una maniera o nell’altra". Così il presidente dell’Inter Massimo Moratti ha commentato la scelta dell’arbitro Rizzoli di sanzionare con la sola ammonizione il capitano della Roma Francesco Totti che lo ha offeso nel corso della partita contro l’Udinese, a differenza di quanto era successo al centrocampista nerazzurro Patrick Vierà, espulso e squalificato per un fatto simile alcune settimane fa. Questa volta Totti se le cavata con il solo cartellino giallo, "e quindi finisce lì" ha commentato, all’uscita degli uffici della Saras Massimo Moratti, secondo il quale queste differenti scelte "dipendono dalla permalosità dell’arbitro, da come capisce la situazione, da quale è la reazione del giocatore, da qual è il giocatore e da come può reagire caratterialmente".

Le espulsioni di Rizzoli Ventuno espulsioni in 73 partite (alla media di 1 su 3,47) dirette in serie A, sei dall’inizio del campionato in corso in cui ha arbitrato 17 incontri (1 ogni 2,83): questo il rapporto con il cartellino rosso di Nicola Rizzoli, l’arbitro che da ieri è al centro delle polemiche per l’atteggiamento ’comprensivò (soltanto una ammonizione) tenuto nei confronti di Francesco Totti ieri in Udinese-Roma, dopo essere stato ripetutamente insultato dal capitano giallorosso. Le 6 espulsioni decise da Rizzoli nel campionato in corso si riferiscono, in ordine cronologico, alle gare Roma-Inter 1-4 del 29 settembre (rosso a Giuly per comportamento non regolamentare), Parma-Livorno 3-2 del 28 ottobre (espulso De Vezze per gioco scorretto), Torino-Lazio 0-0 del 27 gennaio (fuori Simone Barone e Rolando Bianchi, uno per parte, entrambi per doppia ammonizione), Genoa-Sampdoria 0-1 del 17 febbraio (espulsione a carico di Danilo per doppia ammonizione), Juventus-Torino 0-0 del 26 febbraio (rosso a Nedved per fallo di reazione).