Totti deferito: nega la regolarità del campionato

Palazzi, procuratore federale della Figc, ha deferito il capitano della Roma per le sue dichiarazioni sull'arbitro Rosetti dopo la partita con l'Inter. Aveva detto: "Ha rovinato tutto con il rosso a Mexes", definito un "aiutone"

Roma - Francesco Totti è stato deferito alla disciplinare dal procuratore della Figc Stefano Palazzi per "avere espresso giudizi tesi a negare la regolarità del campionato". A Totti viene contestato di aver espresso "nel corso di dichiarazioni pubblicate da organi di informazioni, giudizi tesi a negare la regolarità del campionato e idonei a ledere direttamente o indirettamente la reputazione, il prestigio e la credibilità delle istituzioni federali e di organismi operanti all’interno della Figc". Il capitano giallorosso aveva criticato l’operato dell’arbitro Rosetti nel match scudetto con l’Inter, dicendo che il direttore di gara era andato bene fino al 30’ st, poi "ha rovinato tutto" sull’espulsione di Mexes. Totti aveva anche aggiunto "a San Siro abbiamo giocato meglio noi. Alla vigila avevo ragione a parlare di aiutini. Questa sera hanno avuto un aiutone". Per responsabilità oggettiva è stata deferita anche la Roma.