Totti-Pirlo ok Zaccardo una sciagura

ITALIA
PERUZZI sv. Nessuna colpa sul gol e poi se ne sta a guardare quello sgorbio di partita raddrizzata nel finale.
ZACCARDO 4. Inutile insistere, caro ct: il giovanotto non è all’altezza della competizione, ancor meno di un probabile mondiale. Sul golletto, si fa prendere il tempo, proprio come a Dublino.
(1’ st GROSSO 6. Gol a parte, si lancia all’assalto secondo vocazione).
NESTA 5,5. Non ancora dotato dello smalto necessario, si lascia maltrattare, in velocità, da quel folletto di Miller: deve sudare le sette camicie per ridurne la pericolosità.
CANNAVARO 5,5. Neanche lui brilla, nella ripresa sceglie la posizione più comoda di libero e così esce dall’occhio del ciclone.
ZAMBROTTA 5. Si fa prendere sul tempo nella prima metà gara, rimedia nella seconda cambiando corsia e imponendo la propria cifra tecnica. I cross, in verità, sono da dimenticare.
GATTUSO 5. Se Ancelotti lo lascia fuori nel Milan, qualche motivo c’è e si vede. «Ringhio» comincia a rincorrere 3-4 scozzesi e rimedia con la forza e temperamento.
PIRLO 6. Lui e Totti sono gli unici in grado di confezionare calcio e di preparare qualche giocata degna di nota. Nel finale mostra la corda, ma è giustificato.
DE ROSSI 4,5. Il ragazzo è ancora acerbo, i piedi sono ruvidi e persino nell’uno-due mostra qualche approssimazione di troppo. (15’ st CAMORANESI 6. Si vede che ha personalità, nerbo e anche tecnica migliore rispetto al romanista).
TOTTI 6,5. Quando tocca la palla, la palla canta. Peccato che stecchino gli altri sodali, a cominciare da Vieri messo un paio di volte dinanzi alla porta spalancata. Malmenato dagli scozzesi, reagisce senza mai scomporsi.
IAQUINTA 4,5. Sesta presenza, e la prima da titolare in qualificazione. Si scava uno spazio sul centro-destra che non è proprio il suo posto naturale. Manca una buona palletta nel primo tempo.
(26’ st TONI sv. Per farsi valere, devono servirlo in area con precisione balistica. E non accade quasi mai).
VIERI 5. Si vede che ha gamba e anche voglia, è l’unico a battersi davanti, terminale di ogni giocata di Totti. Nella ripresa sbava sul comodo assist che gli scodella Francesco e li esaurisce la carica.
Ct LIPPI 5. Impiega un tempo per capire come gioca la Scozia e per convincersi che Zaccardo non è da nazionale. Troppo.
SCOZIA
Gordon 6, Alexander 6, Weir 5,5, Webster 6, McNamara 6; Dailly 5; Hartley 6, Fletcher 6, Ferguson 6, Quassie 6,5; Miller 7. Ct. Smith 7.
Arbitro: Michel (Slovacchia) 6.