Tour, altro caso doping: blitz della polizia in hotel

L'agenzia francese dà notizia della positività all'Epo (la seconda dopo quella di Beltran) dello spagnolo Duenas Nevado, 19esimo in classifica. Blitz all'alba della polizia nell'albergo della Barloworld

Tarbes - Secondo caso di dopiong e blitz all'alba. Cinquanta poliziotti hanno circondato l'hotel Rex, nella regione francese Hautes-Pyrénées, dove alloggiano i ciclisti dei team Bouygues Telecom e Barloworld impegnati nel Tour de France. L'operazione è scatta dopo il secondo caso di positività riscontrata alla Grande Boucle. Lo ha annunciato Pierre Bordry, presidente dell’agenzia antidoping francese. Si tratta sempre di Epo e sempre di un ciclista spagnolo, questa volta il "pizzicato" è Moises Duenas Nevado della Barloworld. Il primo caso di doping era stato quello di Manuel Beltran (della Liquigas) arrestato dalla gerndarmerie l'11 luglio.

Nevado Il ciclista spagnolo, nato a Salamanca il 10 maggio 1981 e professionista dal 2004, era 19esimo in classifica generale a 6'43" dalla maglia gialla Evans. Per lui una carriera non brillantissima con un settimo posto alla Vuelta de Castilla y Leon dello scorso anno, la vittoria al Regio Tour del 2007 e nel Tour de l’Avenir del 2006 come migliori risultati. Prima del settimo posto nell'arrivo in salita di Super Besse. Il controllo antidoping "incriminato" è avvenuto al termine della quarta tappa, la crono di Cholet dell'8 luglio. Il ciclista, immediatamente sospeso dalla sua squadra, è stato posto in stato di fermo dalla polizia francese.

Il blitz "Sono qui - raccontano i testimoni - sembra quasi che nell’hotel ci sia un terrorista. Non ci dicono cosa vogliono. Non si sono occupati di noi", ha detto a Reuters Jean-René Bernaudeau, manager del team francese Bouygues Telecom.