Il tour del «camel» dell’assessore

La parola d’ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti, essa già trasvola e accende i cuori dalle Alpi all’Oceano Indiano: «Possono rimanere in Italia solo coloro che condividono i nostri valori e osservano le nostre leggi. Te se minga d’accord? Camel e barcheta e te turnet a ca’». A volte declinata al plurale: «Ciapum el camel, ciapum la barca, ciapum quel che voerun e turnen indrè». A volte allargata ad altri mezzi di locomozione: «Ciapen el trenin, ciapen el piroscafo, ciapen la careta, ciapen el camel e via, a ca’!». A volte tradotta, nella foga, persino in italiano: «Prendete il cammello e tornate a casa». Fino all’apoteosi: «Via, foeùra di ball!». Anzi, complice il sito You Tube, collettore planetario di filmati messi su Internet dagli utenti, essa già trasvola dalle Alpi al Pacifico e all’Atlantico: «Uè, l’alter dì m’ha scritt un de l’Australia», gongola l’assessore ai giovani, allo sport e al turismo della Regione Lombardia. «Le mie segretarie hanno ricevuto e-mail da Dallas, dall’Inghilterra e persino dal Dubai».
Altro che Santoro. È lui, Pier Gianni Prosperini di San Pietro, «Baluardo della Cristianità, Difensore della Fede, Flagello dei centri sociali, Eradicatore di no-global, Condottiero e Protettore del Nord», come attestano i santini che lo ritraggono vestito da crociato con la spada sguainata, il tribuno televisivo del momento. Ogni lunedì, alle 23.30 su Telereporter, e poi in replica il mercoledì su Telelombardia e il sabato su Telecity 7 Gold, predica il suo verbo in un talk show dal titolo vagamente autoreferenziale, Prosperini: la Destra del Nord, giustificato peraltro dal costo dello spazio autogestito (sui 400 euro a puntata), dove ogni salmo finisce in gloria: «Non ti va bene? Camel, barcheta e su de dos!», cioè togliti di torno. Che se ha il pregio di attagliarsi agli stranieri – fondamentalisti islamici, fancazzisti albanesi, zingari slavi, prostitute nigeriane – risulta già di più difficile applicazione con le altre bestie nere dell’assessore lombardo: brigatisti, leoncavallini, partigiani titini, gay, pedofili, artisti degenerati, giù giù per li rami fino ai pitbull («ho avuto 14 cani, ma questa razza cattiva non esiste in natura, ergo va soppressa per decreto»).
Vicentino, 60 anni, milanese dall’età di due, già seguace di Benito Mussolini, poi di Umberto Bossi e ora di Gianfranco Fini, recordman di preferenze («quasi 20.000, più di tutti gli altri candidati di An messi insieme»), uno e 90 di altezza, 140 di torace, 46 di piede, a dispetto delle ascendenze patrizie (il nonno avvocato, insigne latinista e grecista, era nato a San Pietro di Legnago, donde il toponimo trasformato in cognome) e delle due lauree (medicina e lingue straniere), Prosperini parla come mangia. E siccome fino ad agosto pesava 140 chili, ora ridotti a 120 con la rinuncia ai 250 grammi di spaghetti e al mezzo etto di burro che li condiva, gli viene naturale, incrociando un parlamentare nel cortile dell’assessorato di via Rosellini, riverire la segretaria che cammina al fianco del deputato con un «saluti anche alla fighetta a latere».
Saliti all’ultimo piano, ho la conferma che il suo modello verbale è Primo Carnera. Una foto lo ritrae con Maria Giovanna, la figlia del gigante di Sequals che di scarpe portava il 52. Accanto sono appesi i guantoni da boxe. Nel pugilato è stato nazionale dilettanti pesi massimi, nello judo cintura nera IV dan. L’ufficio è arredato di conseguenza: una palestra. «Ciò, son o no’ son l’asesore alo sport?», rinverdisce il dialetto dei padri. Poliercolina per mantenere in esercizio i tricipiti, macchina per allenarsi al braccio di ferro e minicampo da golf, «l’unico che i me gà regalà, ma non me piase un casso».
Benché abbia il brevetto di tiratore scelto di carabina e pistola, Prosperini preferisce le armi bianche. Alle pareti sono appese due katane giapponesi, una spada russa e altre quattro sciabole d’epoca. Sulla scrivania tiene allineati una mezza dozzina di coltelli a serramanico, una scure bipenne, due asce da lancio dei Cherokee, una mannaia da boscaiolo, un machete colombiano, «tutti rigorosamente senza filo, lo tolgo io con la pietra pomice, altrimenti a quest’ora sarei già senza dita», giocherella con un kukry, il pugnale dei gurkha, i mercenari nepalesi dell’esercito britannico. «Che vita sarebbe senza un nemico da combattere?».
Al telefono ho ascoltato La leggenda del Piave. Curiosa musichetta d’attesa per il centralino di un assessorato.
«I tecnici si sono superati per esaudire il desiderio del dottore».
Dove esercita?
«Non faccio più né il primario né il medico. Sono 15 anni che non visito. Però continuo a insegnare all’Università di Pavia». (Parte l’inno degli alpini: è la suoneria del cellulare).
Le piacciono i brani marziali.
«Il Piave è fiume sacro alla patria. La patria è sopra tutto. L’alpino attende a pie’ fermo sulla linea del Piave. Non passa lo straniero. Il freddo ci fa una pippa, la fame ci fa dimagrire. Be’, la sete è già peggio...».
È stato alpino?
«Alpino paracadutista. Dall’Alpe di Siusi alla Norvegia, mi sono lanciato dovunque. Il nemico della civiltà giudaico-cristiana troverà pane per i suoi dentini. Il motto di famiglia è Fidem servabo genusque, conserverò la fede e la stirpe».
E che stirpe.
«Mio nonno ebbe sei figli. L’unico maschio lo generò mio padre. A 18 anni avrei voluto arruolarmi nella Legione straniera. Mia madre me lo impedì perché ero l’ultimo dei Prosperini. Così ho sposato un’avvocata e ho fatto una figlia, Francesca Maria, psicologa, luce dei miei occhi, padrona e signora del dottore. Però ancor oggi la Légion étrangère mi ospita nel centro di reclutamento di Aubagne e sono abbonato a Képi blanc». (Un képi bianco è sull’attaccapanni).
S’è laureato in lingue ma alla Tv parla in dialetto.
«Sono ruvido, non rozzo. Parlo tedesco, francese, inglese, spagnolo, milanese, vicentino e sto studiando il russo. La regina Vittoria scriveva al doge in veneziano, facendosi aiutare da un interprete».
Perché ha fatto il medico?
«Era una professione che permetteva scelte di vita indipendenti. Volevo andare in Africa».
A curare i lebbrosi?
«A curar i lebrosi un casso! Semmai a fare il capo di Stato. Laggiù valgono ancora il valore, la forza, il coraggio. In Italia se sei valoroso non frega niente a nessuno, contano solo i ladri. Io dico che si può uccidere, per difesa o per vendetta, ma rubare no, non si può».
Perché è entrato in politica?
«Ho sempre votato per l’Msi. Ma nell’89 ha vinto Rauti. Troppo di sinistra per me».
Ma non gli davano del nazista?
«Appunto. E come si chiamava il movimento di Hitler? Partito nazional socialista dei lavoratori tedeschi. Socialista, cioè comunista. Rauti era più a sinistra di Bertinotti, avversava la proprietà privata. Perciò ho scelto la Lega. Ma otto mesi dopo Bossi ha detto che voleva bruciare il tricolore».
Orrore.
«E del resto nel ’75 era o non era iscritto al Pci di Samarate? E Roberto Maroni viene o non viene da Democrazia proletaria? Così ho fondato la Destra del Nord».
Di che tratterà nella prossima puntata del suo teleshow?
«Della pagliacciata dei (censura) che a Roma hanno manifestato per i Dico. Non ho niente contro di loro. Convivano pure. Ma l’omosessualità è una devianza. Quindi niente famiglia e niente adozioni. Il gay dichiarato non può essere né insegnante, né militare, né istruttore sportivo».
Parte pacato ma poi si scalda.
«Ha visto il fotomontaggio di Benedetto XVI col dito medio alzato? Ci provino con la faccia di Maometto, se hanno i coglioni. Ecco, qua vien fora el mejo del dotor. Garrotiamoli, ho concluso».
Un castighetto da niente.
«Ma non con la garrota di Francisco Franco. Alla maniera degli Apache: cinghia bagnata legata stretta intorno al cranio. Il sole asciuga il laccio umido, il cuoio si ritira, il cervello scoppia».
Lei è l’assessore ai giovani. Come vivono a Milano?
«Città tentacolare e pentacolare».
Cioè diabolica?
«Cresciuta troppo. Le discoteche tengono aperto fino alle 5 del mattino. Ma siamo matti? È già tanto farle chiudere alle 2. A quell’ora o dormi, o trombi, o studi. Dalle 3 alle 5 vanno in giro solo i ladri. La gente normale è a letto. I giovani d’oggi li abbiamo rovinati noi. Non sono allenati al sacrificio. Prendono un 5 a scuola e s’impiccano».
I centri sociali non l’aggregano?
«Bulk, Transiti, Vittoria... Sentine di ogni male da chiudere col ferro e col fuoco. “Almeno lì dentro possiamo tenerli sotto controllo”, dice il prefetto. Ma l’atto di ripudio della violenza formulato dal Comune mica l’hanno sottoscritto. E intanto la famiglia Cabassi, proprietaria della zona Leoncavallo, sta trattando per farsi dare un’area edificabile altrove, t’è capì? Fossero vecchi senzatetto, li avrebbero già sbattuti fuori».
Vittorio Sgarbi, assessore comunale alla cultura, difende i leoncavallini.
«Sgarbi ha difeso anche lo scultore Maurizio Cattelan, sostenendo che era un atto razzista impedirgli l’esposizione dei tre manichini impiccati a un albero di piazza XXIV Maggio. Che, quando li ho visti, ho preso paura persino io, figurarsi le mamme. Avrei infilato la testa di Cattelan nella gogna, lasciandolo in balia dei milanesi».
Giovani e droga. Che fare?
«Una tragedia, lo dico da specialista in tossicologia, perché oggi negli spinelli ci sono dentro eroina e cocaina. Ma il ragazzo, fumando, non ha la percezione di farsi del male come quando s’inietta qualcosa con la siringa. Sente che la droga raddoppia la potenza sessuale, facilita i rapporti, toglie la fatica, e così... ciula Marisa dammene dieci pastiglie. Perciò ci vuole il modello Singapore: lo stendi sulla panchetta, ten ten ten, dieci nerbate. Inutile sporcargli la fedina penale: equivale a escluderlo dalla vita. Col marchio di Caino lo perdiamo per sempre. Che poi ’sto Caino a me è pure simpatico».
Ah sì?
«Vorrei vedere lei, con un fratello fannullone e anche un po’ (censura) come Abele. Tutto il giorno a suonare l’ocarina mollemente sdraiato fra le pecore, mentre il povero Caino sudava come una bestia nei campi con l’aratro. Abele di qua, Abele di là... Macché Abele e Abele! Viva Caino».
Contro i musulmani che cos’ha?
«Niente. Tant’è vero che col mio amico generale Sulejman Selimi, comandante delle truppe di difesa del Kosovo, a Pristina abbiamo mangiato nello stesso piatto: lui formaggi, io salame. Ma l’Islam xe una religion primitiva. Non cattiva. Primitiva. Ha visto come hanno ammazzato Saddam Hussein? Sembrava un mercato. Non sono capaci neanche d’impiccare un uomo. In Inghilterra rullo di tamburi e silenzio assoluto, a Bagdad urla e insulti. In 1400 anni non si sono evoluti. Noi abbiamo avuto l’Umanesimo, il Rinascimento, Voltaire, Porta Pia. Loro sono incompatibili con le libertà individuali dell’Occidente. O progrediscono o ciapen el camel e turnen a ca’».
Li scorta lei alla frontiera?
«Dopo Poitier, Lepanto e Vienna, i maomettani ora ci provano a Milano. A Vienna trovarono Jan Sobieski, qui hanno trovato Pier Gian. Non passeranno».
Difende il crocifisso perché è affezionato alle tradizioni cristiane o perché ci crede?
«Tutt’e due. Sono credente e peccatore». (Estrae dalla tasca una boccetta d’acqua di Lourdes con dentro una Madonnina). «Credo nel digiuno non otto ma 24 ore prima della comunione. Il corpo e il sangue di Cristo l’è minga il cappuccino al bar».
Con i nomadi non è molto cristiano.
«Lei ha mai avuto la casa stuprata dai ladri? Io sì. Due volte a Milano e 17 a Desenzano. L’89% dei furti nelle abitazioni è opera degli zingari. L’unico posto dove non rubano è la Sardegna, perché là sono stati educati dai pastori barbaricini, che li incaprettano. Non si fanno chiamare “figli del vento”? Via col vento, allora, foeùra di ball! Non sono zingari? Circolare, circolare! A Lugano hanno il loro bel campo nomadi attrezzato ma dopo 30 giorni devono andarsene».
È vero che rivolgendosi a un somalo gli ha detto: «Taccia lei con quei tratti somatici!»?
«Intanto era un sindacalista. E poi era albanese, non somalo. Io non lo sapevo. Era più bianco di me e di lei. Ma aveva questi lineamenti appuntiti, a lama. Da serpente, avrebbe detto Lombroso. Tratti somatici da sindacalista, insomma».
Scusi, ma perché invece non se la prende con quelli di Confindustria che vorrebbero sempre più immigrati in Italia per far funzionare le loro fabbriche?
«Ma io ce l’ho da morire con gli pseudo sedicenti industriali seguaci della Fiat, cosa crede? Hanno dimenticato che cosa significa essere imprenditori. La Richard Ginori faceva le case per i suoi operai sui Navigli. Idem la Falck e la Breda. Gaetano Marzotto costruì addirittura una città, Valdagno, per i propri dipendenti. E questi pretendono di accollare a noi i costi sociali della loro avidità».
Non ha paura di finir male?
«Paura io? Gli anarco-insurrezionalisti mi hanno già fatto saltare in aria l’ufficio elettorale di corso Vercelli. Mi hanno scritto “Prosperini muori” con la vernice rossa. Due settimane fa mi hanno messo sul pianerottolo di casa un ordigno con due bombolette del gas, un chilo di polvere da mina, otto cartuccioni e un innesco rudimentale ma ingegnoso. Una cosa malvagia, fatta per uccidere. “Prosperini, regalo per te”, diceva il biglietto. Ho telefonato in questura: vi pare che qualcuno voglia farmi un regalo? Durante i cortei tentano d’arrampicarsi sul mio balcone».
E lei?
«Espongo 25 metri di tricolore: 10 di bianco, 10 di verde e 5 di rosso, ché di più il rosso non merita. Li aspetto col fucile a pompa. Vogliono entrarmi in casa? Tanti ne salgono, tanti ne butto giù».Stefano Lorenzetto
(367. Continua)
stefano.lorenzetto@ilgiornale.it