Tour, a Redon la prima volata: vittoria di Farrar Dedicata all'amico Weylandt, scomparso al Giro

Lo statunitense della Garmin regola il gruppo nel primo sprint della Grande Boucle, decisivo il lavoro del suo compagno Hushvod (in maglia gialla). Dopo l'arrivo la dedica a Weylandt, l'amico scomparso al Giro d'Italia. A bocca asciutta Cavendish e Petacchi

Redon - Prima volata di gruppo al Tour de France e Tyler Farrar primo re degli sprinter. Il velocista della Garmin sfrutta il lavoro della Htc per Cavendish, ma ai 300 metri il suo compagno Hushovd (in maglia gialla) spezza il ritmo avversario e lo proietta verso il traguardo. Oltre la linea il pensiero corre a Wouter Weytlandt, il ciclista belga scomparso al Giro d'Italia, suo compagno di allenamenti e amico: una W disegnata con le mani per ricordarlo. Proprio per il dolore di quel lutto Farrar si era ritirato dalla corsa rosa, deciso a prendersi tutte le rivincite sulle strade di Francia. Intruppato alla ruota di Mark Cavendish Alesssandro Petacchi, che non riesce a fare la volata. Al secondo posto il francese Roman Feillu, in rimonta. Thor Hushovd resta in maglia gialla.

Dedicato a Weylandt Farrar dedica la sua prima vittoria al Tour de France proprio all’amico scomparso in una caduta sulle strade del Giro. "Non è passato un giorno in cui non ho pensato a lui" dice lo sprinter di Seattle alla televisione francese, alla fine della tappa. "Mi sentivo molto depresso, non sapevo come sarebbe andato il resto della stagione. Volevo fare qualcosa per lui. Oggi l’ho fatto. È un modo di dirgli che non dimenticherò. Tutto questo è stato per lui". Mentre tagliava il traguardo, Farrar ha indicato con le mani la "W" di Wouter Weylandt.