In tour tra Roma e New York con le grandi tele di Siciliano

Ultimi giorni per visitare la mostra Jet-Lag di Bernardo Siciliano al Palazzo della Ragione, dove le opere raccontano Roma e New York, con un catalogo monografico edito da Electa. Sono circa trenta tele di grandi dimensioni che rappresentano il fascino e l’architettura dei due mondi vissuti da Bernardo Siciliano, pittore trentacinquenne nato a Roma ma trasferitosi a New York da dieci anni. Dunque l’Italia e l’America, indagati nelle loro città simbolo, Roma e New York, dai monumenti storici della città antica, alle ampie vedute della città simbolo degli Stati Uniti. Il paesaggio è un puro pretesto visivo per costruire il quadro con un misto di calore e di freddezza, di emotività e di calcolo, di gestualità e di perfetta tenuta dell’immagine. La prima monografia antologica dedicata al lavoro di Siciliano è edita da Electa. Il volume raccoglie, oltre alle opere in mostra, buona parte della produzione di Bernardo Siciliano degli ultimi dieci anni, un’ampia rassegna che, dai ritratti ai volti delle città, dalle campagne ai paesaggi industrializzati, possa illustrare la ricchezza e la complessità di questo pittore a cui «piacerebbe dipingere macchine come Courbet dipingeva alberi».