Al Tour è sfida Rasmussen-Contador

Nel Moto Gp l’australiano Stoner è sceso a 1.25 mentre Valentino Rossi è salito a 3.25. Sempre terzo, ma praticamente ormai fuori corsa, lo spagnolo Pedrosa a 40

Peccato. La Formula uno ha ancora in ballo i suoi processi e e relative sentenze, così gli esperti dei punti Snai non possono aggiornare le quote, che avrebbero confermato il grande equilibrio del Mondiale dopo il calo di Hamilton e la rimonta delle Ferrari e di Alonso. Restando ai motori, comincia a farsi dura per Valentino Rossi nel Moto Gp. Anche a Laguna Seca il pilota italiano ha preso un’altra sonora scoppola da Casey Stoner e ora arranca a 44 punti dall’australiano.
Pronti, i book hanno ancora rifilato la quota di Stoner, sceso a 1.35 (dall’1.45 di una settimana fa), con Rossi salito per contro da 2.25 a 3.25. Pedrosa è ancora terzo, ma è passato da 25 a 40. Il gruppone è sempre attestato a 300. Da tenere presente che alla fine del Campionato mondiale mancano solo sette gare e che a Stoner bastano altrettanti secondi posti per conquistare il titolo iridato.
Al Tour de France più incerto degli ultimi anni (vale a dire da prima delle ere di Indurain e Armstrong) c’è una rivoluzione al giorno. Una settimana fa in pole position c’era lo spagnolo Valverde a 4.50, davanti al danese Rasmussen (6), al kazako Vinokourov (7) al tedesco Kloden (7.50) e all’australiano Evans (8). Dopo la cronometro e il primo tappone pirenaico la situazione è questa: favorito è diventato la maglia gialla Rasmussen (1.75), seguito dall’emergente scalatore spagnolo Contador (3), da Evans (9) e Kloden (10). Fuori corsa gli altri con Vinoukorov precipitato a 150. Oggi giorno di riposo ed è verosimile che le quote restino invariate.