Tracy Chapman e il folk d’autore

Torna a Roma la songwriter Tracy Chapman, multi-vincitrice di Grammy awards, che presenterà al pubblico dell’Auditorium del Parco della Musica, venerdì alle 21, l’ultimo album che si distingue per le sue note piene di sentimento e profondamente vissute.
Co-prodotto dalla Chapman e dal sound engineer Tchad Blake, «Where You Live» è stato inciso in un improvvisato studio di registrazione di San Francisco che ha ispirato la cantante e i suoi collaboratori nel processo di sviluppo ed estensione sia musicale che spirituale. Il risultato è un cd che contiene una decina di brani che si arricchiscono di alcune delle più intime esecuzioni che la Chapman abbia mai catturato.
Dotata di una voce calda e trascinante, Tracy Chapman è probabilmente la cantautrice nera folk più nota dagli anni Ottanta in avanti, che si è differenziata dalla schiera delle grandi star per l’umiltà e l’impegno sociale. La sua musica comunica sempre messaggi pregnanti e l’impegno umanitario è sempre forte in tutte le avventure che intraprende. La Chapman è riuscita a combinare la musica folk degli anni Settanta con melodie semplici e testi significativi e ha spinto un’intera generazione di cantanti e cantautori a percorrere la stessa strada negli anni Novanta. Impermeabile alle mode, la Chapman ha seguito il proprio corso, guadagnandosi il consenso del pubblico con album come «Crossroads» (1989 - disco di platino), «Matters of the Heart» (1992 - disco d’oro), «New Beginning» (1995 - cinque volte disco di platino), «Telling Stories» (2000 - disco d’oro) e «Let It Rain» (2002). Le incisioni dell’artista hanno continuato a conquistare fan, critici e i suoi stessi colleghi. «Give Me One Reason», il singolo blues estratto da «Now Beginning», le ha fatto meritare il suo quarto Grammy.