Il tradimento di Gianandrea

Caro direttore, a proposito dell’articolo di Massobrio su «I Savoia in Liguria», desidero far presente che l’autore è incorso in una palese inesattezza: Andrea Doria non partecipò alla battaglia di Lepanto (1571) perché già morto da undici anni.
Il pronipote Gianandrea comandante la flotta genovese, non solo non fu il vincitore, ma il suo comportamento ambiguo ed errato sotto il profilo strategico durante la battaglia, suscitò accuse di tradimento da parte dei veneziani e dei pontefici.
Per quanto riguarda poi la sua attività politica, nelle contese tra nobili vecchi e nuovi, ricorse all’aiuto degli spagnoli; tale condotta favorì lo stabilirsi dell’ingerenza spagnola nella vita di Genova, contro quelle che erano le direttive del prozio.
Grazie e cordiali saluti.