Tradita su Second Life divorzia dal marito

Una coppia britannica si è separata perchè la moglie si è accorta che il marito aveva una relazione extramatrimoniale nel mondo virtuale di &quot;Second Life&quot;<br />

Londra - La virtualità si confonde sempre più con la realtà. E, in alcuni casi, non si capisce quale sia la più credibile. O incredibile. Tradimento virtuale, divorzio reale. Prima separazione al mondo, scatenata da un "tradimento virtuale". E' l'ultima follia della rete. Il più sacro dei vincoli, spazzato via da qualche colpo di mouse. Una coppia britannica si è separata perchè la moglie si è accorta che il marito aveva una relazione extramatrimoniale nel mondo virtuale di "Second Life".

Matrimonio on line
Non solo l’uomo: ha infranto la sua promessa di fedeltà coniugale con una prostituta... ovviamente virtuale. Entrambi appassionati del mondo virtuale di "Second Life" -la comunità tridimensionale che consente di riprodurre a proprio piacimento una seconda vita on-line- Amy Taylor e David Pollard si erano conosciuti nel maggio del 2003 e innamorati attraverso una chatroom su Internet. I due erano così presi dal mondo virtuale che il giorno in cui si erano sposati, nel luglio del 2005, avevano replicato la cerimonia anche su "Second Life".

Meretricio virtuale... Ma alla fine proprio la rete on-line che li aveva legati li ha separati. Secondo il ’Daily Mail’, i due trascorrevano quasi più tempo su Internet che nella vita reale. E un giorno la donna ha scoperto l’avatar (l’alter ego) del marito in una posizione compromettente con una prostituta. "Sono diventata pazza: ero così ferita che non potevo credere a quel che era successo". Ma Amy non ha gettato la spugna: usando la moneta virtuale (il Linden Dollar) utilizzata dai ’residentì, ha assunto un detective per indagare sull’adulterio. Ma quando nell’aprile di quest’anno ha scoperto il marito (o meglio, il suo avatar...) in un’altra situazione poco edificante non ci ha visto più. "Abbracciava una donna su un sofà e l’atteggiamento era molto affettuoso". Secondo Amy, il marito faceva ’cyber-sessò con un’utente in Usa e per quanto i due non si fossero mai incontrati di persona, Amy si è sentita ugualmente tradita: «Gli ho chiesto di farmi leggere le conversazioni, ma lui ha spento il computer: ha confessato che aveva contatti con una donna americana da una settimana o due, ma ha detto pure che il nostro matrimonio era finito, che non mi amava più e che non avremmo mai dovuto sposarci".

...divorzio reale Domani, la donna andrà dal giudice per chiedere il divorzio. Pur disperata, la signora non si è data per vinta: "Vado ancora on-line, ma non così tanto come prima". E si è già un pò consolata: "Ho conosciuto qualcun altro e viviamo insieme. Sono molto felice: so che suona strano, ma mi fa bene". Il marito, che ha conversato con il’Mail solo su "Second Life", ha detto che «non pensa di aver fatto nulla di male»; e ha aggiunto che il problema non era "Second Life", ma la sua relazione con quella che, per tre anni, è stata la moglie. "Non ha mai fatto nulla in casa: stava solo al computer a fare giochi di ruolo. E se volevo trascorrere un pò tempo con lei, glielo dovevo chiedere, ma lei si staccava sempre a fatica".