"Tradita dal troppo entusiasmo"

I genitori di Mez: "Una ragazza speciale che amava lo studio"

Perugia - Ed ora è il momento delle lacrime. Ma anche dei ricordi. Nella mente dei genitori di Meredith si rincorrono sentimenti opposti: la rabbia per aver perso una «ragazza d’oro» in un modo orribile e la commozione per una vita che se n’è andata troppo presto.
«Bella, intelligente, spiritosa e attenta». Così i genitori e la sorella di Meredith la ricordano, con tutto l’entusiamo dei suoi 21 anni. «Niente può prepararti ad una notizia come quella che abbiamo ricevuto noi venerdì sera e c’è voluto tempo, tanto tempo per essere in grado di esprimere quello che proviamo e i nostri pensieri», spiegano i genitori della giovane.

«Niente era impossibile per lei, figlia e sorella adorata e amica leale. Meredith, “Mez”, come la chiamavamo, lasciava il segno in tutti quelli che incontrava. Era una persona speciale, una giovane di 21 anni immersa nei suoi studi, che lavorava sodo e si divertiva con gli amici e i parenti».
«Le parole non possono descrivere come ci sentiamo ora noi: devastati dalla sua perdita. Meredith era arrivata in Italia - raccontano i familiari - alla fine di agosto per completare gli studi ed era così eccitata alla prospettiva di trascorrere un anno per migliorare il suo italiano, fare nuove amicizie, immergersi nella cultura. Lei inseguiva il suo sogno e noi possiamo trarre conforto nel sapere che lei ci ha lasciati in un momento sereno della sua vita».