Tragedia Due morti sul lavoro a Lainate e Cassina de’ Pecchi

Ancora due incidenti mortali sul lavoro. Il primo, a Lainate, è avvenuto ieri mattina in un cantiere edile di via Rosmini al civico 5. Un operaio di 36 anni è rimasto schiacciato dal crollo di un muro in costruzione. Il secondo è avvenuto in una piccola ditta di Cassina de’ Pecchi, dove un romeno di 27 anni, Mihai Toma, è morto dopo essere stato schiacciato da un nastro trasportatore sospeso. A Lainate sono immediatamente intervenuti i volontari del 118 di Milano, ma i ripetuti tentativi di rianimazione sono purtroppo risultati inutili. Il giovane, infatti, è stato dichiarato deceduto al Pronto soccorso dell’ospedale di Garbagnate. «Rinnovare il nostro impegno affinché le norme in tema di sicurezza siano rese sempre più efficaci e circoscrivano questo fenomeno che è costato la vita a tanti padri di famiglia», è l’amaro commento del presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà, intervenuto a poche ore dalla morte dell’operaio. «Desidero esprimere - ha concluso l’inquilino di Palazzo Isimbardi - il cordoglio dell’Ente e il mio personale ai familiari, ai colleghi e agli amici dell’operaio che oggi (ieri, ndr) ha perso la vita in un incidente sul lavoro».