La tragedia di Sestri, i pescatori volevano fermare Tino Barbera

I pannelli saltati, la finestra divelta e lo scheletro metallico a custodire il lutto. Il mare sbatte ancora sotto la discoteca Schooner sulla diga foranea di Sestri Levante. Venerdì sera s’è portato via il patron Tino Barbera, 72 anni, l'uomo comune che negli 70 e 80 s’è inventato la vita notturna a Sestri, Cervinia, Versilia, fino alla Sardegna del Billionaire di Briatore. Lo Schooner era la sua casa: apriva e chiudeva lui, con l’abitudine degli anni. I pomeriggi sulla veranda, gli amici cui dava appuntamento lì. A ridosso della diga, con le solite mareggiate a sbatacchiare il locale. Venerdì l’allerta meteo con venti da Libeccio fino a cento chilometri orari al largo. Tino corre al locale, come ha sempre fatto, per ancorare l’attrezzatura. Precedenti mareggiate avevano già rotto i vetri del disco club e l'acqua sarebbe entrata e fatto danni. (...)