Trans «assunti» per 500 euro: da clandestini diventano operai Il lavoro era la copertura della vera attività di prostituzione 50 i «cerbiatti» nel giro: in sei mesi avevano fruttato 20mila euro

Per ora è stato solo fermato e indagato per favoreggiamento della permanenza di clandestini sul territorio italiano. A suo carico gli investigatori milanesi della squadra mobile e dell’ufficio immigrazione hanno scritto ben 18 pagine di verbale di sequestro, arrivato ieri sul tavolo del pm Stefano Civardi che deciderà se arrestarlo o no. Gli estremi ci sono tutti. L’indagato è un industriale che vive in provincia di Novara ed è titolare di due società, due ditte di abbigliamento e sartoria. Lunedì mattina ha ricevuto a casa la visita della polizia milanese che, da un po’, aveva scoperto strani «legami» tra lui, Milano e almeno una cinquantina di clandestini, tutti transessuali brasiliani. Sudamericani che risultano essere stati regolarmente assunti nelle sue ditte del Novarese come operai. E che invece continuano ad «esercitare» la loro professione sui marciapiedi meneghini senza aver mai lavorato nemmeno un giorno per questo fantomatico datore di lavoro. Lui, intanto, si arricchiva a spese loro tanto che procurare documentazione falsa per il soggiorno degli stranieri sul nostro territorio era diventato molto più redditizio della sua occupazione ufficiale. Per ciascuna pratica il titolare delle ditte di abbigliamento, infatti, si faceva pagare salato: 50 euro per ogni busta paga, 200 euro per il contratto di soggiorno e 150 per la dichiarazione di assunzione. Insomma, per mettere in regola ciascun brasiliano l’imprenditore incassava dai 400 ai 500 euro. Che, moltiplicati per almeno 50 finti operai (e si tratta solo di quelli scoperti finora dagli investigatori durante la lunga perquisizione nelle ditte dell’industriale) fa circa 20mila euro nel giro di sei mesi.
Una bella sommetta, soprattutto se si considera che la voce, a Milano, si era sparsa e il giro d’affari dell’uomo mirava ad aumentare nel giro di poco tempo o, comunque, non certo a rallentare i propri ritmi. Questo almeno a giudicare da tutta «l’attrezzatura» contraffatta ritrovata dai poliziotti milanesi nelle aziende del Novarese. Timbri, buste paga false, nulla osta al lavoro: nelle ditte dell’imprenditore il lavoro ufficiale di produzione di abbigliamento e sartoria andava di pari passo con quello della produzione della falsa documentazione.
Il nome dell’imprenditore era diventato piuttosto noto tra i transessuali brasiliani che desideravano una copertura per nascondere la loro vera identità. D’ora in poi, all’indirizzo novarese, non ci sarà più alcuna presenza compiacente in questo senso.