Il trans Luxuria conquista "L’Isola"

Battuta Belen dopo un
televoto record. Con ritiri e gossip lo show di Raidue ha catturato il
pubblico. La Ventura esulta: &quot;Il reality non è morto, la gente si è identificata nei finalisti. <strong><a href="/video.pic1?ID=Luxuria_isola_2008">Guarda il video con la proclamazione del vincitore dell'Isola
</a></strong>

Milano - Alla fine, ha vinto la trasgressiva meno rivoluzionaria che ci sia in giro in Italia. Lei, quella che è stata chiamata per difendere i diritti dei diversi, è stata scelta dagli spettatori perché si è fatta paladina della famiglia, della fedeltà, del rispetto della morale comune. Vladimir Luxuria, all’anagrafe Vladimiro Guadagno, transgender, ex parlamentare di Rifondazione comunista, ha vinto la sesta edizione dell’Isola dei famosi. Di lei si ricorderà la «soffiata» in diretta sul presunto tradimento tra Belen e Rossano, la rivelazione al mondo e ai rispettivi compagni di un bacio (e forse anche qualcos’altro) che non doveva esserci. E, lei, la presunta fedifraga, Belen Rodriguez, è arrivata seconda. Non poteva essere diversamente per una ragazza, ex modella e showgirl, che ha fatto della propria libertà sessuale la linea di condotta sull'isola. Insomma, alla fine è successo il contrario di quanto predicato da Simona Ventura: la vittoria di Vladimir è la vittoria di una persona comune, con le sue debolezze e le sue invidie, non di una eroina che va contro tutti.

Comunque sia, si è chiusa un’edizione dell’Isola che ha mostrato quanto interesse ci sia ancora da parte del pubblico per i reality. Tanto che sono arrivati seicentomila voti per scegliere il vincitore, un record per il programma.

Che altro rimarrà di questa edizione? Il turbinio di concorrenti che arrivano e di quelli che se ne vanno, i molti abbandoni per cedimento fisico, il gioco d’amore tra il neo famoso Carlo e la contessa De Black. Insomma, nulla di veramente scandaloso, eppure molto. Dato che il pubblico, nonostante vi fosse poco materiale che andava a pescare nei peggiori istinti del voyeurismo, ha risposto in massa. I risultati d'ascolto stanno lì a dimostrarlo. Il reality è cresciuto puntata dopo puntata, interessando gli spettatori soprattutto grazie alla forza dei personaggi presenti. Una media attorno al 21 per cento (esclusa la finale di ieri) di cui essere contenti soprattutto se si considera che si è arrivati alla sesta edizione.

Non per nulla ieri sera, poco prima della diretta della puntata finale, i padroni di casa si sono detti molto soddisfatti. «Per me è stata una grande fatica - ha detto la regina del reality Simona Ventura - soprattutto perché andavo in onda alla domenica con Quelli che il calcio e poi subito al lunedì. Ma sono stata molto contenta perché quest’anno è stata un’edizione speciale: non c’è mai stata una finale che ha incoronato personaggi così diversi e così vicini alla gente, ognuno poteva immedesimarsi in uno di loro». Ma Simona è contenta soprattutto perché «abbiamo dimostrato che il genere del reality non è morto e che abbiamo ancora molto da dire», già volgendo lo sguardo verso la prossima edizione. Le ha fatto eco Giorgio Gori, patron della casa di produzione della Magnolia, che ha ricordato che, oltre agli ottimi dati di ascolto ottenuti in prime time, è «molto importante il risultato riscontrato in day time (cioè nella striscia pomeridiana) che ha avuto cinque punti in più di percentuale di share rispetto allo scorso anno, senza dimenticare i successi sugli altri canali come la nuova Raiquattro e su Internet, dove i contatti sono aumentati del 70 per cento».

Certo, di questa edizione si ricorderà soprattutto l'insospettabile comportamento di Luxuria. Stigmatizza Giorgio Gori: «Ha vinto anche contro il pregiudizio dei suoi compagni», intendendo per compagni proprio i compagni della sinistra che hanno criticato duramente la partecipazione dell'ex parlamentare al reality. Certo non sono tutti contenti: Giucas Casella, proprio pochi minuti prima della trasmissione, ha rilasciato una dichiarazione all’Ansa secondo cui denuncerà i produttori del programma se l'anno prossimo non lo faranno tornare dato che a suo parere è stato costretto ad uscire contro la sua volontà (per una sospetta ischemia).

Al vincitore è andato un premio di 200mila euro, di cui metà devoluto in beneficenza. All'inizio dell’avventura erano partiti in diciotto, dieci vip e otto non famosi. Poi, in totale, tra i vari aggiunti, si è arrivati a 23 naufraghi. Tutti quanti si ritroveranno la prossima puntata per il gran gala del reality.