Trapani cambia faccia al porto per ospitare le regate

Dal 28 settembre al 9 ottobre le prove di America’s cup nelle acque siciliane. E la città è tutta un cantiere

Alessandro Ursic

La parola d’ordine è: farsi belli. Trapani attende con impazienza l’arrivo della Coppa America, probabilmente il più importante avvenimento sportivo mai ospitato in città. E per ospitare al meglio l’ottavo e nono atto della Louis Vuitton Cup, che dal 28 settembre al 9 ottobre si svolgeranno nelle acque antistanti, la città siciliana si è rifatta il trucco come mai prima d’ora.
Il porto trapanese è stato trasformato radicalmente, grazie a dei lavori già previsti da un piano di riqualificazione triennale. È qui che batterà il cuore della manifestazione: l’area portuale ospiterà gli enormi yacht, le due navi albergo per ospitare gli equipaggi (mille persone per 700 camere), le basi dei team, gli uffici dell’organizzazione e i centri per i giornalisti. Ma anche tutte le attività e le attrazioni legate all’America’s Cup nell’Ac Park e cioè boutique, un maxischermo per seguire le regate, ristoranti, palchi per concerti.
Così, negli ultimi due mesi sulla città è stato appeso il cartello «lavori in corso», in particolare su tutta la via Ammiraglio Staiti, il grande asse stradale che fronteggia il porto: una quindicina i cantieri aperti, con circa 250 operai al lavoro ogni giorno. Sono stati costruiti moli frangiflutti, dighe foranee e reti fognarie per raggiungere le nuove strutture. Sono stati demoliti edifici in disuso nell’area delle antiche mura per far spazio alle costruzioni che dovranno ospitare le varie attività legate alle competizioni. Sono state inoltre rifatte le orlature di moli e banchine, con la pulitura delle vecchie bitte e la collocazione di nuove.
Ma i lavori hanno riguardato anche zone della città che non saranno toccate direttamente dalle regate. Per esempio, la stazione ferroviaria ha subito un maquillage per l’occasione, e sono state ristrutturate anche cinque chiese del centro storico in previsione del grande afflusso di visitatori.