Trapattoni: «Bettini come Totti o Del Piero»

da Salisburgo

Paolo Bettini come Francesco Totti o Alessandro Del Piero. Il parallelismo tra il campione del pedale e quelli del calcio viene da Giovanni Trapattoni. L' ex ct, ora tecnico del Salisburgo capolista, fa visita agli azzurri, piomba nel raduno prima delle nove. C'è da salutare il vecchio amico Bettini, conosciuto quando allenava la Fiorentina, e da fare gli auguri al gruppo. «Ragazzi, non vi dico nulla. In culo alla balena», dice il Trap. Eccolo il Bettini alla «Totti-Del Piero». «Sì - dice Trapattoni - se dovessi fare un paragone tra lui e alcuni giocatori che ho avuto in nazionale lo accosterei senza dubbio a Totti o a Del Piero, per tecnica, esperienza, carisma e fama». La visita del Trap è informale: gli azzurri sono felici di aver davanti a loro un mito. Bettini si fa incontro all'ex ct e la stretta di mano è calorosa. Il Trap poi fa un altro paragone tra eroi del calcio e del ciclismo: i soggetti sono Alberto Gilardino e Danilo Di Luca. «Di Luca è l'altra punta di questa nazionale. Bene, lo avvicino a Gilardino. È la scommessa, l'emergente, quello che ha il colpo risolutore, un Gimondi moderno».