Trasferimento: è vero che può essere negato?

Tutti i mutui si possono surrogare, anche se in qualche caso l'operazione può essere un po' più difficile e lunga. In particolare, ci sono due casi in cui può capitare di sentirsi dire allo sportello della propria banca che non è possibile trasferire a terzi l'ipoteca: il mutuo frazionato e quello cartolarizzato. In realtà non è così: vediamo i diversi casi.

Il frazionamento, infatti, riguarda il mutuo originariamente concesso al costruttore della casa, e al quale il cliente subentra nel rapporto con la banca: quindi la surroga è possibile. Se invece il mutuo viene cartolarizzato, l'interlocutore per l'operazione di surroga non è più la banca presso cui si è acceso il prestito ma la cosiddetta «società veicolo», a cui il credito è stato ceduto; lo prevede esplicitamente la convenzione stipulata tra l'Abi, l'Associazione bancaria italiana, e il Consiglio nazionale del notariato nel novembre 2007, in attuazione della legge sulla portabilità dei mutui.

Il problema è che spesso in questo caso la durata dell'operazione di allunga in maniera anche significativa. Non bisogna scoraggiarsi, consiglia l'esperto: si può anche chiedere una mano ai notai stessi o alle associazioni dei consumatori. Ogni caso, d'altra parte, va studiato singolarmente, per vedere attraverso quale modalità è possibile realizzare la surroga nel modo più veloce possibile.

Leggi le altre domande sui mutui