Come trasformare Facebook in un business

Il «social networking» ultima frontiera del mondo degli affari: a caccia di clienti le aziende sfruttano l'interattività. Il caso Gardaland: in 86mila si sono già iscritti per diventare «amico» della mascotte del Parco. E il ritorno è immediato

L'ultima frontiera del business? Il «social networking», che magari sembra una cosa strana ma se conoscete Facebook avete capito il potenziale che le aziende hanno davanti per catturare nuovi clienti. Insomma, internet sta cambiando, siamo approdati al cosiddetto «web 2.0» - cioè la rete di seconda generazione - e dunque l'interazione tra navigatori diventa occasione di affari. In pratica: approffittando di strumenti come Facebook, appunto, ma anche di altri siti come YouTube o Flickr si possono creare rapporti interpersonali, facendo uso di messaggi, foto e filmati, con numeri stratosferici. Così ad esempio Gardaland - il parco divertimenti italiano per eccellenza, gestito dall'azienda americana Merlin - ha lanciato su internet la sua mascotte Prezzemolo a caccia di nuovi adepti. E il risultato è sorprendente: su Facebook già 86mila persone sono «amici» di un personaggio immaginario e interagiscono con lui. Con il risultato che il Parco divertimenti acquista nuovi possibili clienti facendosi pubblicità, anche perchè - fanno sapere dall'azienda che gestisce il Parco - l'età degli «amici» di Prezzemolo supera anche la trentina. Il fenomeno dei social media ha un riscontro scientifico: recenti studi svolti da «Pen Internet & American Life Project» dimostrano quanto sia elevato l'interesse dei giovani verso questo tipo di servizi. E da un sondaggio svolto su un campione di statunitensi, emerge che più della metà (55%) degli adolescenti tra i 12 ed i 17 anni è iscritto ad uno o più siti di social network. Così il fenomeno dei «social network» sta causando una vera e proprio rivoluzione nel settore della comunicazione, dimostrando che internet può diventare un ottimo business.