Trasformisti Ottonello e Marta spaccano Pd e Pdl

A fine serata c’era chi, negli ambienti della maggioranza, ha pensato addirittura ad una trovata pubblicitaria visto che ancora non riusciva a spiegarsi il perché Marta avesse dovuto ricorrere ad un uomo del Pdl, e fare tutto ’sto casino, per scegliere un assessore per di più ad un anno dalla fine del mandato. «Sta tutto scritto a pagina 98 del mio libro» ha detto ieri mattina presentando Pasquale Ottonello assessore alle manutenzioni e ai municipi, e pare che ieri pomeriggio qualcuno abbia addirittura fatto una corsa in libreria per comprare «38 più uno», il testo sacro del vincenzianesimo che se sei un politico non puoi non conoscere.
Sta di fatto che nella maggioranza di centrosinistra a Tursi non hanno capito nulla nemmeno quelli che il libro l’avevano coraggiosamente acquistato. Lorenzo Basso, segretario regionale Pd, per esempio: «Il sindaco poteva scegliere tra tanti esponenti del centrosinistra che avrebbero saputo servire meglio la città di chi è stato tra i fondatori di Forza Italia a Genova e si è distinto per quasi vent’anni di impegno berlusconiano». Più chiaro non si può e segna la (...)