«Trattata come un’asina mi sono data alla vodka»

Karen Walker, pseudonimo di una lavoratrice tartassata da un capo donna, racconta la sua storia sul blog quellastronzadelmiocapo.wordpress.com: «Al quarto anno di lavoro nella stessa mansione e acquistata una certa anzianità professionale, fui costretta a sopportare la mia capa che mi obbligava a una lezione sui “fondamentali” - leggi regole base - dell’utilizzo del data base aziendale, che è la prima cosa che ti insegnano nelle prime 24 ore di vita in ufficio e che mi suggeriva la partecipazione a nuovi corsi specifici per la mia mansione. Questo perché, secondo lei, i miei standard non erano accettabili. Peccato che i clienti fossero più che soddisfatti e continuassero ad affidarsi a me, dettaglio che non le importava approfondire... Poi ho deciso di darmi professionalmente alla vodka!».