Al via la trattativa, Air France studia i conti

da Milano

Settimana decisiva per Alitalia: parte infatti la trattativa con Air France-Klm sulla vendita del 49,9% del Tesoro. Il numero uno del gruppo franco-olandese, Jean Cyril Spinetta, sarà in Italia il 10 gennaio: ma già nei prossimi giorni Air France avvierà formalmente l’esame dei conti e dei contratti, operazione che partirà non appena Alitalia darà comunicazione ufficiale di essere stata autorizzata dal ministero dell’Economia alla negoziazione in esclusiva.
Resta caldo, però, il nodo Malpensa. Il governatore della Lombardia Roberto Formigoni e il leader della Lega Umberto Bossi sono pronti a scendere in piazza contro il taglio dei voli a lungo raggio in perdita, ma il ministro dell’Economia, Tommaso Padoa-Schioppa, ha escluso che il ridimensionamento dello scalo varesino sia conseguenza della trattativa con Air France. Il piano Alitalia, ha spiegato Padoa-Schioppa, «aveva già deciso una forte riduzione dei voli di Malpensa». Il ministro ha quindi ammesso di aver «sperato e caldeggiato che l’Alitalia venisse acquistata da un consorzio di imprenditori del Nord» ma che nessuno si è fatto avanti. Dal fronte dell’opposizione, l’Udc Bruno Tabacci avverte: «Guai a tornare indietro su Air France» perché «stavolta Alitalia morirebbe» .
Intanto, il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, ribadisce che per la privatizzazione di Alitalia «i giochi sono poco trasparenti» e avverte: «non ci rassegneremo».