Alla Trattoria del Gallo i cani sono i benvenuti a tavola

Il cliente ideale di un ristorante? Quello che prenota, paga in anticipo e poi non si presenta per un problema dell’ultima ora, un guadagno senza fatica. Certo che i contrattempi possono essere tanti, uno è legato al fido bau perché il cane al ristorante è sempre un terzo al lotto. Per fortuna, come c’è chi espone il cartello «io resto fuori», con tanto di sagoma di un lupo, c’è chi invece lo accetta di buon grado. Capita ad esempio a Gaggiano, lungo i Navigli che conducono ad Abbiategrasso. In località Vigano, all’Antica Trattoria del Gallo, 02.9085276, il patron Paolo Reina non usa giri di parole e sulla porta di ingresso ha appeso un cartello con sopra scritto: «Non lasciatemi fuori, qui mi vogliono bene» e a lato una poesia canina.
Va da sé che se lì si mangiasse da cani, uno dovrebbe evitare lo stesso di entrarvi. Invece fate festa con il menù della tradizione a 39 euro: Cotechino con lenticchie, Ravioli di vitello al burro versato, Pollo alla diavola e Torta di pere con salsa cioccolato.