Tre donne kamikaze dilaniano l'Irak

Tre esplosioni nel centro della capitale irachena, nel distretto di Karrada, un'area attraversata da molti pellegrini nel tragitto verso il santuario di Kadhamiya. Strage di sciiti. A Kirkuk un uomo si fa saltare in aria: 10 le vittime

Bagdad - Tre attacchi dinamitardi in rapida successione hanno ucciso almeno 24 persone ferendone 43 a Bagdad, durante il pellegrinaggio di una moltitudine di sciiti che si sono riversati nella capitale per celebrare un importante evento religioso. Lo ha riferito la polizia, secondo cui tutti e tre gli attentati sarebbero stati compiuti da donne. Per l’evento, si prevede l’arrivo nel santuario di Kadhamiya, a nord di Bagdad, di almeno un milione di persone. Le forze di sicurezza irachene hanno rafforzato il controllo nella zona.

Tutte e tre le esplosioni sono avvenute vicino al distretto Karrada, al centro di Baghdad, un’area che viene attraversata da molti pellegrini nel tragitto verso il santuario. Alcuni uomini armati hanno ucciso ieri sette pellegrini a sud della capitale mentre si dirigevano a piedi verso il luogo sacro. Gli islamici sunniti di al Qaeda considerano lo Sciismo una confessione eretica.

Attentato a Kirkuk, dieci vittime Un attentatore suicida si è fatto saltare in aria a Kirkuk, 250 chilometri a nord di Bagdad, tra la folla di partecipanti ad una manifestazione contro la ratifica di una nuova legge elettorale, uccidendo almeno 10 persone e ferendone altre 50.