Tre formule per aderire al piano di salvaguardia

Come avviene la gestione dei capitali

La prestazione pensionistica è erogata da una compagnia di assicurazione o direttamente dal fondo stesso. I fondi pensione aperti, istituiti da banche, Sim, compagnie di assicurazione, e Sgr, prevedono le adesioni sia in forma individuale sia in forma collettiva. In quest’ultimo caso i rappresentanti dei lavoratori e dei datori di lavoro, invece di decidere di istituire un fondo pensione negoziale, stipulano un accordo per l’adesione collettiva a uno o più fondi aperti. La gestione finanziaria dei fondi pensione aperti viene, di norma, assolta dalla stessa società che lo ha istituito mentre la Banca Depositaria dev’essere un soggetto esterno per assicurare la massima distinzione tra il patrimonio del fondo e quello della società e il pieno rispetto delle regole operative adottate dal gestore. La riforma permette, poi, come forma pensionistica individuale, la sottoscrizione di specifici contratti assicurativi vita che devono rispettare precise norme. Inoltre, esattamente come per le altre forme di previdenza integrativa, le risorse finanziarie accumulate mediante queste polizze costituiscono patrimonio autonomo e separato rispetto alla compagnia. I versamenti che confluiscono ai fondi pensione sono gestiti nel rispetto di stretti vincoli di legge che ne garantiscono la massima trasparenza e il più elevato livello professionale. La gestione delle somme, infatti, avviene attraverso convenzioni stipulate con gestori finanziari specializzati e autorizzati quali banche, Sim, Sgr e compagnie di assicurazione. La scelta del gestore, inoltre, soddisfa una specifica procedura che prevede la supervisione da parte della Covip. Non solo. La normativa prevede espressamente che il gestore non possa essere un soggetto appartenente al medesimo gruppo societario ovvero legato al fondo da rapporti di controllo sia direttamente che in modo indiretto. Il Fondo pensione può prevedere un’unica linea d’investimento per tutti gli aderenti (monocomparto) oppure essere articolato in più linee di investimento (pluricomparto), differenziate per profilo di rischio, orizzonte temporale consigliato e obiettivi di rendimento.
\