Tre giorni fra vini e poesia un omaggio a Veronelli

Fra gli oltre 100 espositori, anche diverse aziende alimentari

Giorgio Scaglia

Per tre giorni, da oggi a domenica, al centro sociale Leoncavallo di via Watteau si degustano splendidi vini, si imbandiscono cene d’autore, si ascoltano musica e poesie, si dibatte di agricoltura contadina, rivoluzione dei consumi, vignaioli, prodotti della terra, autocertificazioni e prezzo sorgente. L’edizione 2005 di Critical Wine è dedicata a Luigi Veronelli che due anni fa la inventò dal nulla facendone un evento decisamente «alternativo» rispetto a tutti gli altri del genere.
Più di 100 gli espositori: in una sala le aziende vinicole col meglio delle loro etichette, in un’altra i produttori di specialità gastronomiche come pasta, miele, salumi, dolci, gelati e quant’altro. Aziende di eccellenza, magari poco conosciute ma che abbinano una qualità senza compromessi con sistemi di produzione compatibili con l’ambiente e prezzi a misura d’uomo, secondo la filosofia che Veronelli ha portato avanti caparbiamente per tutta la vita. Qualche nome? Braida, Mossio e Scovero fra i piemontesi, Poderi di San Pietro e Piccolo Bacco dei Quaroni tra i Lombardi, Badia a Coltibuono tra i toscani e le Cantine del Notaio in Basilicata. Con 7 euro si comprano biglietto d’ingresso e bicchiere per le degustazioni, poi si può mangiare e bere fino a schiattare.
L’orario di apertura va dalle 15 alle 22 oggi e domenica, mentre domani le libagioni si prolungheranno fino alle 23.