Tre idee per investire con questa crisi

Ecco che cosa può fare chi ha a disposizione <a href="http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=301600">10mila</a>, <a href="http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=301601">100mila</a> o <a href="http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=301603">500mila</a> euro. Secondo gli esperti occorrono strategie diverse. Bene la Borsa, ma solo sul lungo periodo e con l'aiuto di un consulente

a cura di Marco Maroni e Massimo Restelli

Un anno e passa di crisi finanziaria ha lasciato il segno sui risparmiatori italiani. Le cose non sono andate male come in quei mercati dove si è registrato anche un crollo immobiliare, da noi i prezzi delle case, di gran lunga il primo investimento delle famiglie, per ora «tengono». Ma il valore medio delle azioni in Borsa si è quasi dimezzato, i Bot rendono meno dell'inflazione e il risparmiatore medio si fida poco anche a lasciare il soldi sul conto corrente.

Quanto durerà ancora la bufera nessuno è in grado di prevederlo. C'è chi dice che ormai le Borse hanno toccato il fondo e chi, invece, prevede una recessione che inasprirà ancora il clima nei mercati. Questo è il momento giusto per fare un bel respiro, prendersi un po' di tempo e riflettere su come impiegare i propri risparmi. Si potrà così mettere a punto una strategia difensiva, sulla base dell'antica massima «primo non prenderle».

Ma si potrà anche cercare di cogliere, se le disponibilità economiche e la propensione al rischio lo permettono, qualche buona occasione d'investimento. Non diversamente da come ha fatto nelle ultime settimane Warren Buffett, riconosciuto numero uno degli investimenti di Borsa, nonché uomo più ricco del Pianeta. Buffett recentemente ha acquistato un grande quantitativo di azioni del colosso industriale General Electric e ha consigliato gli americani di tornare in Borsa poiché, ha spiegato, i prezzi sono bassi e molte aziende probabilmente cominceranno a riportare utili record negli anni a venire.

Certo non tutti si possono permettere di rischiare come Buffett. Per questo, il Giornale ha delineato tre diverse strategie per affrontare la crisi, adatte a tre diversi profili patrimoniali: 10mila euro, 100mila euro e 500mila euro. Si va naturalmente dagli investimenti più prudenti e liquidi, come i conti di deposito e i Bot, a quelli più evoluti, che richiedono un approccio temporale d'investimento di lungo periodo, come le azioni o i cosiddetti «beni rifugio», oro, arte e antiquariato.

10mila euro. Per dormire sonni tranquilli, puntare tutto sulla liquidità

100mila euro. Scommettere sulle società però con l'aiuto dei fondi

500mila euro. E per i «Paperoni» azioni, dipinti antichi e Brunello