Tre mostre celebrano dieci anni di design

Design di uso personale, di uso collettivo, design del cibo, ma anche moda e imprenditoria giovanile sono gli argomenti di un convegno a Palazzo Rosso e di tre mostre a Villa Croce e alla Loggia dei Banchi che a partire da domani celebreranno il Decennale della Scuola di Design industriale della Facoltà di architettura. «Qui si stanno sperimentando molecole d'innovazione in una città che è molto cambiata - ha detto l'assessore comunale alla cultura, Luca Borzani, ieri alla Facoltà di architettura che ha organizzato gli eventi -. Sono settori che possono dare un contributo di vivacità». Villa Croce (dove ha luogo la mostra «Denso design. Forme di osmosi tecnologica») e la Loggia dei Banchi con «10 anni di design; dieci anni di progetti e prodotti della scuola genovese» e, sempre a Banchi, «Be Factory: sartoria italiana in tour», oltre a un convegno il 29 settembre all'Auditorium di Palazzo Rosso (dal titolo «Design, didattica, imprenditoria»), raccontano quella che la preside della Facoltà di Architettura, Maria Benedetta Spadolini, non esita a definire «una scoperta»: «Il design a Genova era un mondo sconosciuto, ma ormai gli studenti che si laureano trovano lavoro anche a Genova». Anzi, come aggiunto da uno dei curatori degli eventi, Carlo Vannicola, «ci sono studi che dal Piemonte e la Toscana si trasferiscono a Genova, anche perché la collocazione geografica per un designer non è più fondamentale. Si lavora con tutto il mondo». Alla presentazione delle mostre erano presenti anche il preside del corso di laurea in disegno industriale, Vittorio Garroni Carbonara; il direttore del Museo di Villa Croce, Sandra Solimano; il segretario del Cna Associazione Genova, Roberto Timossi e la curatrice degli eventi Paola Gambaro.