«Tre progetti per il futuro della Maserati»

Pierluigi Bonora

nostro inviato a Tokio

«Non c'era abbastanza concentrazione su Maserati e Alfa Romeo. Così, in modo assolutamente naturale, è stato deciso di dedicare una persona a ciascun marchio. Da parte mia, per quanto riguarda Alfa Romeo, non seguirò più le vendite giorno dopo giorno, ma mi occuperò solo delle decisioni strategiche e dei nuovi prodotti. Ora sono più concentrato su Maserati».
Karl-Heinz Kalbfell, arrivato a Torino dal gruppo Bmw per guidare il rilancio dell'Alfa Romeo insieme a quello di Maserati, recentemente si è visto «sfilare» la responsabilità diretta del Biscione, passata al giovane Antonio Baravalle. Ai più, anche se Kalbfell definisce la decisione «una scelta naturale», è parsa una bocciatura. In pratica, sembra che Marchionne abbia rimproverato all'ex presidente della Rolls Royce di non aver premuto abbastanza sull'acceleratore nel rilancio del marchio.
Dalla Germania sono rimbalzate voci su un suo possibile addio a fine anno...
«Sono contento di lavorare a Modena e fino a quando potrò occuparmi di Maserati lo farò con una forte motivazione».
Quando sarà pronto il piano prodotti Maserati?
«La nostra attenzione è tutta sulla Quattroporte. Parallelamente si procede al rinnovamento di Coupé e Spider. Intendiamo crescere come volumi e raggiungere nuovi potenziali clienti. Ma nulla è stato ancora definito. Lo sport utility Kubang? Non è una priorità, non abbiamo le risorse per questo progetto».
E la riorganizzazione interna?
«Solo una rotazione di persone, non ci saranno stravolgimenti».
La situazione finanziaria a Modena?
«Si migliora piano piano. L'azienda richiede altri investimenti per i nuovi prodotti e c'è grande attenzione su come destinare le risorse».
Intanto, a proposito dei futuri modelli Coupé e Spyder, attese a cavallo tra il 2007 e il 2008, sul tavolo di Kalbfell ci sarebbero tre progetti. Uno di questi, relativo allo sviluppo del prodotto, porterebbe la firma di Magna Steyr, la stessa società austriaca a cui Fiat Auto si è rivolta per la nuova Stilo.