Tre punti per festeggiare 500 partite

Federico Casabella

Sempre impegnato a scalare le vette più elevate delle montagne, Walter Alfredo Novellino, toccherà oggi pomeriggio la sua 500esima panchina della carriera. Un curriculum tutto in ascesa, che lo ha portato dalla C1 di Perugia all'Europa con la Samp.
Un traguardo che il corridore Novellino taglierà con orgoglio, e il miglior regalo che potrà farsi, saranno i 3 punti con il Siena: «In poche stagioni da allenatore ho accumulato tanta esperienza e sono fiero della mia carriera- ricorda Novellino- Credo di essere arrivato fino a qui grazie alla lealtà, alla coerenza e al rapporto diretto che ho sempre avuto con i miei giocatori ai quali, molte volte, il mio comportamento può risultare antipatico, ma alla fine è efficace».
La recente sconfitta di Ascoli e le successive proibitive sfide che aspettano la Sampdoria, portano i blucerchiati ad inseguire una vittoria per allontanare lo spettro di un eventuale crisi di risultati: «Se riuscissimo a migliorare sotto l'aspetto caratteriale - dice - sarebbe un successo. Dobbiamo giocare ogni partita con intensità, cattiveria e determinazione. Se perdiamo queste caratteristiche, per noi è finita; non siamo mica il Real Madrid».
Trovato in Bonazzoli un elemento in grado di garantire pericoli nell'area avversaria, la Sampdoria sta ancora aspettando il vero Flachi, non solo quello che segna, ma anche quello che macina gioco: «Forse da Francesco ci si aspetta troppo. In questo momento è lui che deve riuscire a venir fuori da solo. Sa di avere tutti dalla sua parte, dai compagni alla società, ma per me è un giocatore come gli altri». A casa Pisano e Zamboni per infortunio, il mister farà rifiatare Zenoni e Palombo. In difesa entrerà Pavan con Castellini spostato a destra e in mezzo al campo ci sarà Dalla Bona. Da Siena l'incognita nella formazione riguarda la punta che farà coppia con Chiesa: fuori causa Marazzina e in forse Bogdani, potrebbe essere schierato l'argentino Nanni.
Dal calcio allo spettacolo e all'attualità per capire se, con riferimento a Celentano e al suo "Rockpolitik", la Samp sia più un lento o un rock, ma il mister glissa: «Il programma non mi è piaciuto, troppe banalità». Il carattere di Novellino è sicuramente rock, vedremo che genere di musica farà suonare a questa Samp il suo direttore d'orchestra.