Tre raid in tre notti Banda di vandali devasta l’asilo nido

Rubano, spaccano e sporcano gli oggetti destinati ai bimbi

Che si tratti di una sfida, fra il comune e una misteriosa banda di teppisti, a Bariana, frazione di Garbagnate Milanese, nessuno nutre più dubbi. Come spiegare altrimenti il fatto che in soli tre mesi il «branco» si sia introdotto per ben otto volte nella scuola materna di via Stelvio, rendendola in ogni circostanza inagibile? Una sfida che nell’ultima settimana è andata crescendo a dismisura, al punto tale che i teppisti, per tre notti consecutive hanno ripetuto il blitz, entrando, bivaccando e sporcando con i loro escrementi l’asilo.
I balordi infatti ripetono sempre lo stesso copione: una volta all’interno della struttura vi trascorrono alcune ore, facendo man bassa di quanto trovano in cucina, distruggendo suppellettili e, ciliegina sulla torta, firmando il loro passaggio. Con i loro bisogni corporali disseminati sui tappeti, sui materassini e sui cuscini dei bimbi.
«Tre raid vandalici in tre giorni sono veramente troppi – protestano le mamme -; è giunto il momento che qualcuno intervenga per prevenire quanto sta accadendo da mesi, per trovare gli stupidi colpevoli, ma soprattutto per rendere sicuro questo luogo dove bambini in tenera età trascorrono molte ore della loro giornata».
Rabbia e sconcerto non solo fra le mamme; anche le maestre chiedono di porre fine allo scempio. La dirigente scolastica è soprattutto preoccupata per l’aspetto igienico, tanto che nell’asilo è dovuta intervenire più volte una squadra di sanificazione; ovviamente tappeti, materassi, cuscini ed altri oggetti usati dai bambini, e insozzati dagli escrementi dei teppisti, sono stati gettati via.
I carabinieri stanno indagando, ma a Bariana sono in molti a credere che il «branco» sia composto da adolescenti provenienti da qualche paese limitrofo, che approfittano della facilità con cui è possibile introdursi nella scuola materna. «Abbiamo incrementato la vigilanza – spiegano in municipio – e durante il periodo estivo faremo installare un sistema d’allarme. È importante però che ogni movimento sospetto attorno all’asilo, venga immediatamente segnalato ai carabinieri».