Trema il Sudan: in arrivo mezzo milione di affamati

Circa mezzo milione di persone in preda alla fame potrebbe fuggire dalle violenze in Sudan e rifugiarsi nel Sudan del Sud, provocando una pesante crisi umanitaria per questo giovane Stato: a lanciare l’allarme è il Programma alimentare mondiale (Pam), l’agenzia dell’Onu per gli aiuti alimentari d’urgenza. Le organizzazioni umanitarie si preparano al peggio, mentre le autorità di Khartoum bloccano i convogli di aiuti d’urgenza nelle zone di frontiera, ha dichiarato da Juba Ramiro Lopes da Silva, direttore generale aggiunto del Pam. «Le cifre sulle quali ci basiamo per prepararci al peggio si situano fra le 300.000 e le 500.000 persone» che si rifugeranno nel Sudan del Sud. L’anno scorso, secondo l’Onu, più di 350.000 Sud-Sudanesi erano stati costretti a fuggire dalle loro case a causa delle violenze. Il Sudan del Sud ha accusato il Sudan, da cui si è separato a luglio, di armare dei «miliziani» responsabili della morte di circa 80 persone in un attacco intertribale, che ha fatto salire le tensioni già ad un «punto critico» secondo l’Onu.