Tremaglia torna dall’America: «Viaggio trionfale tra italiani»

Con un’ultima tappa a Boston, il ministro per gli Italiani nel Mondo Mirko Tremaglia ha concluso la sua missione negli Stati Uniti che ha coinciso con le celebrazioni del Columbus Day e che ha anche segnato l’avvio della campagna per il voto della primavera prossima (il primo in cui gli italiani all’estero potranno eleggere propri rappresentanti). Commentando l’intero viaggio, Tremaglia ha detto: «È stato un viaggio trionfale, che mi ha profondamente commosso per il calore e l’affetto che mi hanno dimostrato gli italiani d’America: prima quelli di New York, alla parata del Columbus Day, poi quelli di Detroit, Chicago, Filadelfia e infine Boston». Tremaglia ha pure visitato le comunità italiane in New Jersey e Connecticut. Agli italiani incontrati, il ministro ha lanciato un messaggio chiaro: «Non date retta ai falsi profeti. Vi garantisco che si voterà e che le liste saranno italianissime, nessun simbolo di partito, ma solo amore per la patria».