Tremila militari pattuglieranno le città

Utilizzo dei militari nelle grandi città: è l’articolo 7 bis del decreto di legge convertito dal Senato e che ora passa all’esame della Camera. Prevede «per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalità» l’impiego di un contingente militare «delle forze armate, preferibilmente carabinieri» fino a 3mila unità. Il «prestito» può essere autorizzato per un periodo di sei mesi, rinnovabili. Questa novità, ha chiarito ieri il ministro dell’Interno Roberto Maroni, consentirà anche di «rinforzare il contingente» di poliziotti e carabinieri per il controllo del territorio nel periodo estivo «sulle fasce dei litorali». I tagli dell’ultima Finanziaria infatti avrebbero imposto una riduzione da 3200 a 1500 degli uomini addetti a questo tipo di attività. Ora questi agenti da destinare al controllo dei litorali verranno reclutati tra quelli in servizio nelle grandi città. E al loro posto subentreranno appunto i militari.