Tremonti: debiti pubblici su per salvare banche

Il ministro dell'economia a Washington: "Sono tornati i bankers, non parlo di banche italiane. La speculazione è a piede libero. Si è confuso tra ciclo economico e crisi, e nel gestire la crisi, scambiandola per un ciclo, si è fatta la scelta di salvare la speculazione che stava dentro le banche"

Washington - "Il tasso di disoccupazione in Italia è sotto la media europea". Lo ha sottolineato il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, a conclusione dei lavori del Fondo monetario internazionale. Il direttore generale del Fmi, Dominuque Strauss-Kahn ha spiegato che senza occupazione non può esserci ripresa ma questo non è un problema che riguarda l’Italia. "In Italia la disoccupazione non è uno dei fattori aggravant", ha dunque sottolineato il direttore generale del Tesoro, Vittorio Grilli.

Tornata la speculazione "I bankers sono tornati". Lo ha detto il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, durante la conferenza conclusiva sui lavori del Fondo monetario internazionale. "Non parlo dei banchieri italiani - ha precisato il ministro - ma due anni fa o un anno fa a Istanbul le grandi banche d’affari erano molto low profile mentre ora sono tornati i banchieri. La speculazione è a piede libero. Si è confuso tra ciclo economico e crisi, e nel gestire la crisi, scambiandola per un ciclo, si è fatta la scelta di salvare la speculazione che stava dentro le banche".