Tremonti: sacrifici per banche e petrolieri con i sindacati si parte dagli straordinari

Il ministro dell'Economia: consiglio dei ministri fra due settimane a Napoli. Tre provvedimenti: abolizione totale dell'Ici sulla prima casa, detassazione degli straordinari e pacchetto sicurezza. Poi affronteremo il caro mutui. Il tesoretto? Non c'è. Per Alitalia soluzione italiana

Roma - Il primo Consiglio dei ministri "operativo" si terrà a Napoli tra due settimane. E in quell'occasione il governo dovrebbe affrontare tre provvedimenti: l'abolizione totale dell'Ici sulla prima casa, la detassazione degli straordinari e un pacchetto sicurezza. Lo ha confermato il ministro dell'Economia Giulio Tremonti intervistato da Lucia Annunziata durante la registrazione di 'In mezz'orà che andrà in onda domani alle 14,30. "Lunedì - ha spiegato Tremonti - ci sarà il Consiglio dei ministri per completare la squadra di governo. Poi devo andare a Bruxelles (per partecipare all'Eurogruppo e all'Ecofin, ndr). Quindi penso che il Cdm di Napoli non sarà la prossima settimana ma quella dopo (cioé dal 19 al 25 maggio) lì ci sarà il primo Cdm operativo". Tremonti ha spiegato che questo non dipende da tentennamenti nel governo sulle decisioni da prendere ma dal fatto che "non abbiamo ancora la fiducia e la chiediamo al Parlamento questa settimana. Non si fa un decreto senza avere la fiducia". Alla domanda se saranno uno più decreti a tradurre il legge questi primi tre provvedimenti Tremonti spiega che si tratta di "cose che devono essere decise ma si deve agire di colpo e in fretta".

Il nodo mutui Tremonti ribadisce la decisione di abolire l'Ici sulla prima casa. Poi si interverrà anche sul caro-mutui che 'strangola' le famiglie italiane. "Abbiamo detto che azzeriamo l'Ici sulla prima casa. Seguiremo lo sgravio già ipotizzato e chiaramente castelli e ville non saranno compresi nel provvedimento. Ma poi parleremo anche dei mutui".

Il tesoretto non c'è "Posso escludere che abbiamo un tesoretto": ha ribadito il ministro Tremonti. "L'andamento delle entrate fiscali non è buono e questo non perché l'evasione da gennaio è ripartita - ha detto - basta guardare all'andamento dell'Iva sugli scambi interni che è negativo perché l'economia va male. Insomma tesoretto zero". Alla domanda se il governo avvierà una due diligence sui conti pubblici Tremonti ha spiegato che "sui conti c'é un controllo assoluto. Ci sono molti occhi sopra. Chiederemo quindi agli istituti nazionali e internazionali una valutazione aggiornata. Nei documenti dell'Ue c'é la parola 'rischio' su tante voci, chiederemo di discutere insieme i numeri di chiusura del 2007 e 2008 che purtroppo non sono buoni"

Alitalia: soluzione italiana e privata Cerchiamo una soluzione italiana e fondamentalmente privata. Se non funziona vedremo": così risponde il ministro dell'Economia a Annunziata alla domanda se Alitalia potrebbe tornare in mano pubblica. Più in generale il ministro spiega di avere avuto poco tempo ancora per 'guardare le carte', ma - afferma - "una cosa è sicura: un conto è fare campagna elettorale e un conto è essere al governo. Per Alitalia saranno seguite le procedure di legge. Ma mica aspetto che arrivi qualcosa dal cielo. One moment - ha aggiunto il ministro - wait a moment. Saremo dentro le procedure di legge e dentro quelle procedure guarderemo le offerte". Ma avremo una nuova Iri? "Io spero di no. L'impegno è per una cordata italiana e molti imprenditori si sono impegnati. Il rischio che la nostra compagnia andasse in mano ad un nostro concorrente nel turismo è stato evitato".

Sacrifici per banche e petrolieri Quali italiani dovranno fare sacrifici ora? "Le banche e chi incassa la rendita petrolifera, certo non i poveri". E' questo il progetto del ministro dell'Economia Giulio Tremonti che ha indicato proprio in banche e petrolieri i destinatari dei sacrifici annunciati da Silvio Berlusconi subito dopo le elezioni. "Qualche sacrificio devono iniziare a fare banche e petrolieri - ha spiegato - le banche dovranno pagare qualcosa in più di tasse se non faranno pagare meno i mutui alle famiglie". Mentre per quanto riguarda i petrolieri Tremonti ha spiegato che "prendono più soldi perché è aumentato il prezzo".

"Con i sindacati partiamo dagli straordinari" Il primo confronto fra il nuovo esecutivo e i sindacati sarà sul provvedimento per la detassazione degli straordinari". tremonti traccia la road map delle priorità. "Il primo punto di confronto sarà sul provvedimento che faremo a Napoli sugli straordinari. Su quel provvedimento dovremo discutere. Ma penso ci sia una logica di dialogo costruttivo da entrambe le parti". Tremonti avverte però che per quello sugli straordinari, che sarà un provvedimento sperimentale, ci sono dei limiti. "Limiti fondamentali di finanza pubblica e vincoli europei. Abbiamo il terzo debito pubblico più alto del mondo", ricorda Tremonti. Per quanto riguarda sia il provvedimento sull'Ici che quello sugli straordinari precisa: "Non abbiamo ancora testi scritti. Quando avremo una base di ragionamento la presenteremo. Ci vuole un po' di tempo anche perché quella sul lavoro è una misura che non c'é mai stata in Italia".

"Cambiare la Costituzione con l'opposizione" Per il ministro è "fondamentale cambiare la Costituzione insieme all'opposizione. Non fare più scontri ideologici che sono inutili". "La Costituzione va cambiata - ha detto - perché come è stata modificata nel 2000-2001 blocca il paese". Questa disponibilità nei confronti dell'opposizione non vuole però dire che ci saranno accordi sottobanco: "Certo - sottolinea Tremonti - non ci sarà nessun inciucio". Sempre parlando dei rapporti con l'opposizione Tremonti spiega che anche il centrosinistra ha "più volte detto in campagna elettorale" di voler modificare la Costituzione. Il luogo naturale di questa discussione sarà il Parlamento "che deve tornare ad essere la piazza fondamentale del confronto. Avevamo la bozza Violante che era un testo molto buono" e da lì, fa capire Tremonti si potrebbe riniziare a discutere e poi "dall'autunno dobbiamo anche affrontare il federalismo fiscale".

"Governo ombra? Saggio ma è una squadretta" Il governo ombra è "una cosa saggia" ma appare anche come una "squadretta di allenamento. Ma serve anche quella", ha aggiunto parlando dell'opposizione. Saggia perché "se sei al governo e pensi che sai fare tutto prendi una via sbagliata. Che ci sia un confronto e delle critiche è fondamentale". Poi Tremonti rispondendo alla domanda sul fatto che Massimo D'Alema pur essendo stato nel precedente esecutivo non compaia tra le fila del governo ombra risponde: "il fatto che D'Alema non sia nel governo ombra essendo stato nel governo vero indica che conta davvero. Il governo ombra - aggiunge - mi sembra una squadretta di allenamento ma serve anche quello".

"Bisogna leggere insieme Marx e Gramsci..." Sulla crisi che sta attraversando in questo momento la sinistra Tremonti aggiunge: "Credo che nella sinistra ci sia difficoltà. La sinistra sta nel virtuale, dovrebbe tornare al reale". Lei chiede quindi alla sinistra di tornare alla sua identità tradizionale? "La sinistra - replica - per dieci anni ha avuto uno schema culturale, un quaderno da leggere e da predicare ora deve scrivere un quaderno nuovo perché oggi è come 'una Lega appenninica', cioé vince solo in alcune regioni". Infine Tremonti invita a leggere 'i testi sacri' della sinistra: "Bisogna leggere insieme sia Marx che i Quaderni di Gramsci che sono un'opera di assoluta modernità".