Tremonti: usciremo dalla crisi più forti di prima

Il ministro dell'Economia in
un'intervista al settimanale <em>Gente</em>:
&quot;L'Italia é messa meglio di tanti altri Paesi: quando sarà finita la
crisi, e tutte le crisi finiscono, saremo più forti di prima e,
comunque, di altri&quot;

L'Italia uscirà della crisi economica più forte di prima e di altri. Ne è convinto che il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, che, in un'intervista al settimanale Gente, in edicola domani 9 marzo, spiega: "L'Italia é messa meglio di tanti altri Paesi: quando sarà finita la crisi, e tutte le crisi finiscono, saremo più forti di prima e, comunque, di altri".

"Abbiamo il terzo debito pubblico del mondo pur non essendo la terza economia mondiale e, tuttavia, abbiamo poco debito privato e un grande risparmio - sottolinea il ministro -. Sommando le voci, viene fuori che siamo messi meglio di altri Paesi, che prima ci venivano indicati come modello e che ora ci stanno invece superando, ma in retromarcia".

Quanto all'azione del governo, Tremonti sostiene che "quello che ogni governo deve e può, nei limiti del bilancio pubblico, è conservare la coesione sociale e la base industriale. Il governo non può sostituire l'export: il governo deve fare il governo, anche se le condizioni peggiorano. Deve garantire gli stipendi, la sanità, la scuola, la sicurezza, la cassa integrazione, gli ammortizzatori sociali e tenere aperto il canale del finanziamento pubblico. Continuare a fare cose ordinarie, in una situazione straordinaria - conclude - è di per sé una cosa straordinaria".