«Treni, complotto ulivista sui ritardi»

Diego Pistacchi

Lo sa che qualcuno ci farà della facile ironia. Lo sa, perché qualcuno lo ha già fatto. Ma l’onorevole Giorgio Bornacin non si scompone e le accuse già sostenute in sede di commissione trasporti della Camera intende ribadirle, metterle nero su bianco, e soprattutto sottoporle all’attenzione di un magistrato. Perché lui ha il forte sospetto che se i treni hanno iniziato improvvisamente a creare disagi ai pendolari non dev’essere solo una coincidenza. Anzi, c’è il rischio (...)