Treni, incidente in Puglia. Muore macchinista

Frecciargento investe un camion rimasto fermo tra le sbarre del passaggio a livello, in località Cisternino (Brindisi)

Foto di Stefano Saladino (da Twitter)

Incidente ferroviario alla periferia di Cisternino (Brindisi), poco dopo le 13,30, ad un passaggio a livello in località "Pozzo Faceto". Un Tir è stato travolto da un treno, il Frecciargento 9351 proveniente da Lecce. Nell’impatto è morto il macchinista mentre quattro passeggeri sono rimasti feriti. La circolazione sulla linea feroviaria è stata interrotta. Vigili del fuoco impegnati nel tagliare il groviglio di lamiere del locomotore del treno, dov'è rimasto incastrato il macchinista. La Protezione civile ha allestito un punto medico per prestare i primi soccorsi ai passeggeri - in tutto sarebbero 200 - numerosi dei quali sono in stato di choc. Sul posto sono intervenute quattro autoambulanze del 118. Nell’impatto contro l’autoarticolato il locomotore dell’eurostar si è accartocciato. L'autista del camion, invece, è riuscito a uscire in tempo dal mezzo ed è rimasto illeso. Su Twitter Trenitalia scrive: "Circ. interrotta tra e (linea / ) per scontro tra treno e camion rimasto tra barriere PL regolarmente chiuso".

Secondo una prima ricostruzione dell'incidente fornita da Rete Ferroviaria Italiana l’autista del camion avrebbe attraversato il passaggio a livello mentre le sbarre si stavano abbassando, quando dunque era vietato farlo. Poi ha abbandonato il camion prima dell’arrivo del treno.

I feriti, secondo quanto fanno sapere alle Ferrovie dello Stato, sono stati portati due nell’ospedale di Ostuni e due in quello di Fasano. Tutti gli altri passeggeri del convoglio si trovano sul marciapiede della stazione di Cisternino, in attesa del pullman che li porti a destinazione. Il binario Nord-Sud è potenzialmente libero e dovrebbe essere riaperto al traffico ferroviario non appena ci sarà il via libera delle autorità giudiziarie.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 24/09/2012 - 14:46

Le cause, molto spesso, sono che si vuole passare a segnale di arresto

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 24/09/2012 - 14:59

Quel camionista è un delinquente. Gli andrebbe revocata la patente. Meriterebbe anche la galera. Potrebbe essere comunque indagato per disastro colposo ed interruzione di pubblico servizio. Scommetto che dopo un paio di ore sarà di nuovo fuori a compiere qualche altro disastro. Siamo in Italia d'altronde. Il paese dove il possibile diventa impossibile e l'impossibile diventa possibile! Insomma un paese al contrario!!

nikos78

Lun, 24/09/2012 - 15:08

A quel casello non c'e' solo il segnale di arresto ma anche le sbarre che si abbassano al passaggio di ogni treno.

Ritratto di VT52na

VT52na

Lun, 24/09/2012 - 15:28

... la "fretta" ... spesso è nemica della «vita» !!!

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 24/09/2012 - 15:41

il camionista ha sbagliato, ma questo non vuol dire che sia giustificato che per uno sbaglio di un automobilista si possa mettere a repentaglio la vita di centinaia di persone e per di piu' su un treno ipertecnologico....la verità è che i sistemi di sicurezza sono degni della nostra repubblica delle banane.

Ritratto di scandalo

scandalo

Lun, 24/09/2012 - 16:12

sono sempre erroni alla schettino !! prima fanno casino poi abbandonano la nave o il tir !! sono irrecuperabili !! a proposito e quello stinco di santo pugliese che ha messo la bomba davanti alla scuola che fine ha fatto ?? sarà agli arresti domiciliari come schettino !!

mrkrouge

Lun, 24/09/2012 - 16:15

la verità è che 9 camionisti su 10 sono dei delinquenti, chiunque viaggia spesso lo può confermare.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Lun, 24/09/2012 - 16:51

Il camionista era un rumeno. Naturalmente è solo un caso ... bla bla.

Ritratto di Situation

Situation

Lun, 24/09/2012 - 16:54

robe da TERRONI

cesar

Lun, 24/09/2012 - 17:35

udite..udite!! in Italia,nell'anno del signore 2012, un dispositivo elettronico ad ogni passaggio livello che rilevi una eventuale grave anomalia e la segnali in tempo reale alla stazione ferroviaria di riferimento e/o a ogni telefono cellulare dei macchinisti in"zona"....è utopia ?? è fantascienza ?? non credo...oltre al cammionista responsabile di questo incidente...vedo una corresponsabilità della dirigenza delle ferrovie di stato....e i giudici si sveglino....

leo_polemico

Lun, 24/09/2012 - 17:40

Camionista due volte incosciente, per non dire altro. Con il veicolo che si ritrovava tra le mani era così difficile fare un'accelerata e uscire dalle sbarre portandosele via? I danni sarebbero stati molto ma molto minori e non ci sarebbero state vittime e feriti. E adesso noi contribuenti pagheremo....Spero, ora, che non ci sia un qualche giudice "illuminato" che conceda la libertà a questo delinquente, mettendolo in condizione di fare altri guai, e che sia controllato accuratamente sulle sue condizioni fisiche e mentali, senza dargli alcun beneficio.

gibuizza

Lun, 24/09/2012 - 17:45

Non era meglio abbattere le sbarre e passare? Come possono succedere queste cose nel 2012? Chi era l'autista? Come era la sicurezza del passaggio a livello?

martin99

Lun, 24/09/2012 - 19:20

povero mcchinista morire sul lavoro per colpa di uno che mai sarà punito. massima solidarietà alla famiglia del lavoratore

plutoX

Lun, 24/09/2012 - 22:00

Ceasar, il treno viaggiava a 130km/h, lo sa che spazio serve per arrestare un treno che viaggia a quella velocità? I sistemi di segnalazione di cui parla ci sono eccome, ma se manca lo spazio necessario a fermarsi non c'è segnale che tenga....

Gabriele184

Lun, 24/09/2012 - 22:54

Tutti i passaggi a livello RFI sono dotati di un sistema di sicurezza molto semplice: se si spingono le barriere verso l'esterno, i treni vengono fermati. Purtroppo, è quasi impossibile trovare rimedi efficaci con persone ignoranti o irresponsabili come quel camionista.. Solo un perfetto idiota abbandona il mezzo sui binari e fugge: davanti a tanta idiozia, non c'è tecnologia che tenga! Purtroppo a rimetterci la vita è stato un uomo che stava facendo il suo lavoro.

Willy Mz

Mar, 25/09/2012 - 08:04

ma è possibile che per non perdere qualche minuto la gente deve morire. in galera!

maan

Mar, 25/09/2012 - 11:24

Un altro romeno ma comunque "straniero" che viene qui per fare il proprio comodo; tanto la vita della specie sub-umana di noi Italiani non vale niente, per lor signori.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 25/09/2012 - 12:00

Contro l'idiozia,non c'è tecnologia che tenga!!

Roberto Monaco

Mar, 25/09/2012 - 12:10

L'assurdità è che nel 2012 esistano ancora degli attraversamenti di una linea dove viaggiano treni che, in caso di una simile emergenza, sono inarrestabili, con qualsiasi sistema di sicurezza. Fare cavalcavia o sottopassaggi, e chiudere tutti i passaggi a livello. Se non è possibile farli, chiuderli comunque, e che il traffico segua altre strade.

onil

Mar, 25/09/2012 - 13:05

Ha scritto bene "Gabriele184". I tg delle ore 12 hanno riferito che l'autista era un rumeno 26enne. Questo criminale merita l'ergastolo, da scontare nelle galere del suo paese d'origine!

Ritratto di Svevus

Svevus

Mar, 25/09/2012 - 13:34

E' una consuetudine in Puglia attraversare i binari mentre le sbarre si stanno abbassando. Ho le prove fotografiche. Vi sono personalità delinquenziali che fanno bravate terribili.

giottin

Mar, 25/09/2012 - 14:12

Quando ha lasciato l'autotreno per mettersi in salvo, si è ricordato di portare con sè la bottiglia della vodka? Si sa mai, non vorrei che nell'impatto si fosse rotta.

cesar

Mar, 25/09/2012 - 14:45

per commentatore pluto*....servono almeno 1000 m credo..per fermare il treno o abbassare di molto la velocità al punto tale che l'impatto sia quasi nullo in termini di danni...circa 30 ..40 secondi di frenata e poi l'impatto...se ad esempio l'ostacolo era fermo 45 secondi prima dell'impatto...e credo sia possibile...un semplice dispositivo elettronico che segnalala di frenare in emergenza al macchinista ..era sufficiente a evitare la disgrazia....

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 25/09/2012 - 15:50

Siccome situazioni del genere possono riproporsi,proponiamo che "Trenitalia",installi a tutti i passaggi a livello un sistema di allarme,per cui,qualsiasi persona(con telecamere SUL POSTO, ed abusi puniti in modo "ESEMPLARE),in caso di pericolo,possa fermare il treno(con dettagli tecnici che non affronto)....Staremo a vedere se ci sarà il tempo per fermarsi o meno.Per lo meno ci abbiamo provato!

Ritratto di martinitt

martinitt

Gio, 27/09/2012 - 00:26

Una telecamera installata sul passaggio a livello collegata ai convogli ferroviari prossimi al transito evitava il disastro. Anche un cartello visibile che obbliga agli autoveicoli intrappolati di sfondare le sbarre liberando la sede ferroviaria, evitano maggiori danni.