Treni: problemi agli scambi a causa del freddo

Domani comincia ufficialmente l’inverno, ma il freddo si fa sentire già da alcuni giorni, provocando non pochi disagi.
Ieri le Ferrovie dello Stato hanno comunicato che, a causa del repentino abbassamento della temperatura nella notte precedente, si è registrato un funzionamento difettoso di alcuni scambi con conseguente ripercussione sulla circolazione dei treni a Roma e nel Lazio. Sono state dieci le stazioni coinvolte e 65 i treni che hanno registrato ritardi medi di 30 minuti.
Un guasto sulla linea ferroviaria FM1 che collega Orte e Fara Sabina con l’aeroporto romano di Fiumicino ha provocato dalle 7 di ieri mattina ritardi medi di 30 minuti ai treni in circolazione in entrambi i sensi.
Al terminal ferroviario del Leonardo da Vinci hanno confermato che è stata proprio la bassa temperatura registratasi all’alba di ieri, quando la colonnina di mercurio è scesa di qualche grado sotto lo zero, a causare problemi agli scambi in alcune stazioni ferroviarie che si trovano lungo la linea. A risentire maggiormente dei disagi sono stati i pendolari, per lo più personale aeroportuale, che giornalmente si servono del servizio ferroviario metropolitano della FM1 per raggiungere il proprio posto di lavoro. Il guasto sulla linea FM1 ha provocato di conseguenza anche lievi rallentamenti sulla linea no-stop Roma Termini-Fiumicino aeroporto.
La circolazione dei treni è poi lentamente migliorata. Inoltre, alcuni problemi tecnici alla stazione Tiburtina hanno provocato ieri mattina dalle sei alle otto rallentamenti e ritardi sulla linea Roma-Firenze.
Dopo il guasto i treni sono stati instradati sulla linea lenta della Roma-Firenze dove hanno viaggiato fino alle 8 e 15, ora in cui il problema tecnico è stato finalmente risolto. I ritardi, di circa 30 minuti, si sono avuti su 5 treni a lungo percorso e su 10 treni metropolitani.
L’ondata di freddo che sta interessando l’Italia centrale non ha risparmiato nemmeno la Valle dell’Aniene. Il vento di tramontana di domenica ha provocato una notevole diminuzione della temperatura, tanto che a Subiaco alle ore 6,30 di ieri mattina il termometro di Via Cadorna, al centro della città, ha registrato 6 gradi sotto lo zero, mentre ha raggiunto 7 gradi sotto lo zero quello in funzione nella frazione di Madonna della Pace.
Il ghiaccio formatosi sulle auto ha provocato problemi a parecchi automobilisti, soprattutto a quelli residenti in zone a ridosso del fiume Aniene , così come ad alcune abitazioni a causa delle condutture gelate dell’acqua.
Ancora più bassa è stata la temperatura registrata nella località sciistica di Monte Livata, tanto da raggiungere i 15 gradi sotto zero, a tutto vantaggio del mantenimento della notevole quantità di neve, 1 metro e 20 centimetri, presente lungo le 5 piste di discesa di Monna dell’Orso, con i due impianti di risalita in funzione tutti i giorni.