Treni a singhiozzo sulla Roma-Viterbo

Mentre il segretario romano di An, Vincenzo Piso, spara a zero sulle politiche per la mobilità del Campidoglio, ecco un nuovo capitolo della stagione nera del trasporto pubblico locale. Il capogruppo in regione della Lista Storace, Fabio Desideri, ha monitorato per sette giorni il tratto urbano della ferrovia Roma-Viterbo, e si è accorto che le corse saltate non sono affatto episodiche. Da sabato scorso a ieri mattina sono stati ben 58 i convogli cancellati, senza preavvisi né comunicazioni per i malcapitati pendolari: «Il Campidoglio e Met.Ro - osserva Desideri - non possono far finta di nulla».