Trenitalia diventa «low cost» Sconti da Roma per 11 città

Avanza l’Italia «low cost». Da oggi parte l’offerta «scacciacrisi» delle Ferrovie dello Stato, con prezzi tali da consentire a tutti (famiglie, anziani, studenti) di viaggiare ad Alta Velocità sul Frecciarossa e sugli Eurostar. Prezzi destinati nelle intenzioni di Trenitalia, specie sul mercato di Roma, a sbaragliare la concorrenza: auto, pullman, aereo. Le nuove tariffe, valide già da oggi, sono state presentate ieri alla stampa dall’amministratore delegato di Trenitalia, Mauro Moretti.
Si potrà viaggiare sul tragitto AV (Alta velocità) da Roma a Milano a tariffe che partono da 33 euro. La metà di oggi. Ancora meno, 22 euro, basteranno per andare dalla capitale a Genova, Verona, Bari, Lamezia, sull’Eurostar Fast. E 16 per recarsi da Roma a Rimini. Dalla Città eterna sono 11 le destinazioni super-scontate. Oltre a quelle citate, Venezia, Padova, Reggio Calabria, Brindisi, Lecce. Lo slogan è: prima acquisti, più risparmi. Trenitalia ha una soluzione per tutte le tasche. La formula Premium prevede il 15 per cento di sconto su tutti i treni Av ed Eurostar per chi acquista fino a 7 giorni prima della partenza. Uno sconto del 30 per cento con la formula Special, a 15 giorni, e del 60 per cento con la formula Super, a 30 giorni.
Da Roma a Milano, per fare un esempio, la tariffa standard (seconda classe) è di 79 euro. Con la formula Premium, si scende a 67 euro. Con la formula Special a 55, con quella Super a 33. Una famiglia di tre persone può andare per il week-end dalla Città eterna al capoluogo lombardo con 99 euro. La metà di quanto costa un singolo biglietto aereo. Una coppia di giovani fidanzati romani può recarsi invece in quel di Verona e spendere (in due) 88 euro andata e ritorno. E non finisce qui. I clienti AV di prima classe sul Roma-Milano potranno parcheggiare gratuitamente l’auto presso la stazione di partenza e trovare all’arrivo una Mercedes con autista a soli 35 euro. Infine, da oggi parte il concorso «Giovani chef on board», sfida a colpi di portate ad alta qualità sul Frecciarossa Roma-Milano delle ore 12,30.
In treno oggi bastano appena 3 ore e mezzo per collegare no-stop il capoluogo lombardo alla capitale. Ma i tempi verranno entro pochi mesi drasticamente ridotti. Il 24 marzo è stato il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, a viaggiare a 300 all’ora, in anteprima assoluta, da Roma a Milano in sole tre ore sul Frecciarossa, viaggiando a una velocità media di 200 chilometri all’ora, con punte oltre i 300. E gli altri mezzi di trasporto? In auto da Roma a Milano, dati Aci alla mano, occorrono 6 ore e 12 minuti. In volo bastano 70 minuti, ma poi bisogna sommare i tempi del taxi, quelli del check-in, un mezzo strip-tease al metal detector, la lotta con la cappelliera, e alla fine si arriva a circa 3 ore e 25’. Quanto sul Frecciarossa. Ma a un costo tre volte superiore, dicono le Ferrovie. Una settimana fa Cai-Alitalia ha raccolto la sfida, offrendo un nuovo prodotto dal nome programmatico: «Milano-Roma-Milano». Ogni giorno saranno offerti fino a 44 collegamenti tra la Capitale e il capoluogo lombardo, con la frequenza di un volo ogni 15 minuti nelle ore di punta. La sfida è lanciata. È il bello della concorrenza.