Trenitalia ordina ad Ansaldo Breda 600 carrozze per i pendolari

Bizzarra confusione di cifre sull’ultima commessa delle Ferrovie, assegnata ieri ad Ansaldo Breda. Pierfrancesco Guarguaglini, presidente di Finmeccanica (che controlla il costruttore ferroviario), ha indicato un valore di 440 milioni. Mauro Moretti, ad delle Fs, ha riferito una cifra di 600 milioni. Le Ferrovie, nel loro comunicato ufficiale, dichiarano un importo di aggiudicazione di 829 milioni per 600 nuove carrozze a doppio piano. L’ufficio stampa delle Fs raccomanda che la cifra ufficiale è quest’ultima.
«In meno di tre mesi - ha sottolineato Moretti - abbiamo appaltato uno dei due miliardi destinati al trasporto locale. Ieri (giovedì, ndr) abbiamo firmato un ordine per 350 carrozze a doppio piano più un’opzione per altre 150 con il consorzio guidato da Ansaldo Breda per un valore di 600 milioni. Questa commessa - ha aggiunto - si aggiunge a quella siglata a novembre con Bombardier per 100 locomotori con un’opzione per altri 50 del valore di 400 milioni». Il numero preciso segnalato dalle Fs è di 1,450 miliardi di investimenti già operativi per l’ammodernamento della flotta regionale di Trenitalia, mentre l’opzione è per 250 mezzi.
Va ricordato che nelle scorse settimane è stata aggiudicata anche la gara per la ristrutturazione di 2.334 carrozze media distanza.