Un treno su cinque in servizio Disagi limitati per i pendolari

Utenti informati insomma come testimonia il numero di chiamate al call center di Trenitalia, 65mila, e le visite al sito internet dell’azienda, oltre 500mila dal 7 dicembre, giorno in cui si è avuta la conferma dell’astensione dal lavoro. «I ferrovieri hanno scioperato compatti contro il declino inarrestabile delle Fs e contro i comportamenti antisindacali dell’azienda - spiega Dario Balotta, segretario regionale della Fit Cisl, soddisfatto dell’80 per cento di adesione allo sciopero in Lombardia -. Vogliamo sviluppo e investimenti che invece la Legge finanziaria taglia drasticamente».
Alle 17 stazioni cittadine di nuovo invase dai viaggiatori e treni tutti in partenza, anche se con qualche decina di minuti di ritardo dovuta alla preparazione dei convogli.