Per trenta consiglieri mai un’assenza nel 2007

Trenta consiglieri regionali su 71 hanno totalizzato il 100% delle presenze in aula, con le firme sul «registro» della Pisana. È quanto emerge dai dati presentati sull’attività del 2007 del consiglio regionale. A firmare per il minor numero di volte, 21 sedute sulle 33 totali, il consigliere di An Franco Fiorito. Nella parte alta della classifica, con 33 presenze su 33, Roberto Alagna (lista civica per il Lazio), Paola Brianti (Pd), Luigi Canali (Lista Marrazzo per il Pd), Giovanni Carapella (Pd), Wanda Ciaraldi (Udeur), Antonio Cicchetti (An), Raffaele D’Ambrosio (Mpa), Francesco De Angelis (Pd) con 4 assenze giustificate, Romolo del Balzo (Fi), Fabio Desideri (Udc), Domenico Di Resta (Pd), Enrico Fontana (Verdi), Aldo Forte (Udc), Francesco Lollobrigida (An), Enrico Luciani (Prc), Peppe Mariani (Verdi), Anna Maria Massimi (Pd), Luigi Nieri (Prc) con 2 assenze giustificate, Alfredo Pallone (Fi), Giuseppe Parroncini (Pd), Ivano Peduzzi (Prc), Mario Perilli (Pd), Massimo Pineschi (Lm per il Pd) con 2 assenze giustificate, Anna Pizzo (Prc), Bruno Prestagiovanni (An), Donato Robilotta, (NPsi), Gianfranco Sammarco (Fi), Francesco Saponaro (Misto), Antonio Zanon (Pd).
A raggiungere la quota del 100% delle firme, anche Erder Mazzocchi, subentrato in consiglio e che ha firmato per 20 volte su 20. Ad aver firmato per 32 presenze, invece, Fabio Armeni (Fi), Bruno Astorre (Pd) con 9 assenze giustificate, Augusto Battaglia (Pd) con 5 assenze giustificate, Antonietta Brancati (Rlr), Giuseppe Celli (Sdi), Fabrizio Cirilli (Misto), Alessio D’Amato (Pd), Stefano De Lillo (Fi), Mario Di Carlo (Pd) con una assenza giustificata, Simone Gargano (Idm), Luisa Laurelli (Pd) con una assenza giustificata, Eugenio Leopardi (Udeur), Claudio Mancini (Pd) con 5 assenze giustificate, Piero Marrazzo con 15 assenze giustificate, Massimiliano Maselli (Udc), Guido Milana (Pd) con una assenza giustificata, Umberto Ponzo (Pd), Alessandra Tibaldi (Prc) con una assenza giustificata. A quota 31 presenze, Luigi Celori (An), Francesco Dalia (Pd) con 2 assenze giustificate, Angelo D’Ovidio (Udc), Daniele Fichera (Lm), Enzo Foschi (Pd), Carlo Lucherini (Pd) e Claudio Moscardelli (Pd). A quota 30, Claudio Bucci (Idv), Rodolfo Gigli (Udc), Filiberto Zaratti (Verdi) con 3 assenze giustificate. A quota 29, Silvia Costa (Pd) con 13 assenze giustificate (a lei va il maggior numero di assenze giustificate dopo il presidente Piero Marrazzo), Pietro di Paolantonio (An) e Tommaso Luzzi (An). A quota 28 Francesco Aracri (An), Giovanni Loreto Colagrossi (Idv), Augusto Pigliacelli (Udc). A 27, Marco Di Stefano (Udeur) con una assenza giustificata, Maria Antonietta Grosso (Pdci), Giulia Rodano (Sd) e Daniela Valentini (Pd), con 6 assenze giustificate. Sopra Fiorito, con 26 presenze, Wladimiro Rinaldi (Lista Storace). Le assenze sono «giustificate» quando vi sono impegni istituzionali che impediscono di essere in aula.