Trent'anni per una beffa

Nel lontano 1983 ho sporto denuncia contro il vicino di casa che stava costruendo in maniera abusiva, un fabbricato adiacente al mio, regolarmente autorizzato dal comune di Patti (Messina). Non sto a raccontare tutte le vicissitudini riguardo i rinvii (secondo me in accordo con gli avvocati) delle udienze, dei testimoni, delle perizie ecc ecc, un calvario durato ben 30 anni; ebbene si, la sentenza di primo grado e’ uscita a novembre del 2013 dopo ben 30 anni, ma udite udite, una sentenza che assolve colui che aveva costruito senza avere alcun permesso a costruire. Quindi, oltre al danno dei 30 anni di attesa, anche la beffa di una sentenza vergognosa, da paese sudamericano.- ma in Sicilia e’ tutto così, il cittadino non e’ garantito in nessun settore; se ti ammali muori, e se chiedi aiuto alla giustizia senza avere un amico, “ti fanno morire”.

Commenti

Silvio B Parodi

Dom, 05/01/2014 - 17:38

la giustizia italiota???ahaahahahahahahahah

denteavvelenato

Sab, 11/01/2014 - 15:08

Lei ha scritto una storia di malagiustizia riguardante un abuso edilizio, al giornale di proprietà del politico che ha fatto più condoni di qualsiasi altro